Carrara shock: la sua casa va all’asta, imprenditore si uccide

1

imageTragedia a Carrara. Un’imprenditore sessantenne si è suicidato dopo che la sua casa, a quanto emerso pignorata da una banca, è andata all’asta

Un’altra vittima della crisi, ancora una volta la disperazione e il sentirsi impotente di fronte agli eventi, alla base della tragedia che ha travolto un imprenditore Carrarino di sessant’anni e la sua famiglia.

Dopo una vita di lavoro la crisi ha messo in ginocchio la sua attività. E così, l’imprenditore si è trovato senza lavoro e senza casa. Pignorata, sembra, da una banca, è stata messa all’asta. E’ stato il genero a trovare l’imprenditore e a chiamare i soccorsi che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo.

Le motivazioni del gesto estremo li avrebbe lasciati in un biglietto ritrovato dagli investigatori.

L’esito dell’asta in tribunale lo ha saputo a fine mattina, venerdì. Ha incassato, facendo finta di nulla e ha continuato la sua giornata: ha accompagnato la moglie dal nipotino ed è tornato a casa. Lo ha trovato senza vita il genero, era già morto all’arrivo dell’ambulanza del 118, proprio in quella casa tanto amata e che da allora in poi non sarebbe stata più sua, nè dei suoi figli per cui aveva lavorato una vita nella sua piccola impresa artigiana.

L’uomo, un sessantenne che fino a qualche tempo fa aveva una sua attività in proprio, una piccola impresa con qualche dipendente nel settore dell’edilizia, da tempo stava facendo i conti con una crisi che, con lui, aveva colpito duro. E la difficoltà lui, conosciuto dagli amici come una persona serena e ottimista, aveva cercato di affrontarle a testa alta. Fino all’ultimo atto, quello che lo ha toccato negli affetti più profondi. Perchè quella casa non era solo un edificio vuoto. Era la storia, la famiglia. Era tutto. Ed era proprio quella casa che le banche avevano preteso a garanzia.

1 COMMENT

  1. Riposa nella pace che qui non hai trovato. Che Dio non giudichi il tuo gesto, ma ti accolga a braccia aperte nel Suo amore infinito. Per chi ha volutamente creato questa crisi, e ne abbiamo le prove, che Dio o chi per Esso, ne punisca le loro azioni in maniera eterna ed esemplare. Questo è l’ennesimo omicidio perpretato dallo stato, dal sistema bancario e burocratico italiano. Amen.

Rispondi o Commenta