Infernetto, casa di cura lager sotto sequestro: anziani chiusi in camere umide, buie e piene di escrementi

Ancora orrori scoperti all’interno di una casa di cura per anziani la quale è stata posta sotto sigilli nei giorni scorsi dopo che alcuni anziani sono risultati essere stati abbandonati nelle loro camere tra escrementi in ambienti umidi e malsani. Purtroppo le atrocità non finiscono qui, visto che gli anziani erano costretti a prendere anche medicine scadute. Erano trattati tutti così i nove anziani ricoverati in questa casa di riposo lager situata tra le ville ed il verde del quartiere Infernetto vicino Ostia.Le atrocità sono state scoperte dagli uomini del commissariato Lido di via Zerbi, i quali hanno posto sotto sequestro la struttura; gli operatori della casa di riposo lager sono accusati di sequestro di persona, abbandono di incapace e somministrazione di medicinali da parte di personale non qualificato e senza alcun titolo.

La struttura è risultata essere in grande parte essere abusiva ed al momento dei controlli all’interno della struttura non è stato ritrovato alcun medico e personale infermieristico. Ad insospettare gli agenti durante i controlli è stata una porta chiusa a chiave che altro non era che un passaggio in una adiacente struttura risultata abusiva. I gestori dopo essere stati più volte pregati di aprire quella porta, hanno acconsentito e così gli agenti si sono ritrovati davanti a delle scene davvero incredibili; gli anziani purtroppo come già abbiamo anticipato venivano chiusi a chiave all’interno della propria stanza, umida e sporca con il pavimento pieno di escrementi.

«C’erano escrementi ovunque e un odore nauseabondo. Non c’erano uscite di sicurezza e c’erano grate alle finestre. Se fosse successo qualcosa, quelle persone, le cui famiglia pagavano per tenerli lì, sarebbero rimaste intrappolate. C’era insomma una casa di cura ‘vetrinà e una abusiva e degradata. Uno spettacolo davvero triste», ha dichiarato il dirigente del Commissariato di Ostia,Rossella Matarazzo.

La struttura per questo motivo ma anche per altri ovvero come l’essere sprovvista di personale medico ed infermieristico è stata posta sotto sequestro.Come abbiamo ancora anticipato, gli anziani erano costretti a mangiare cibi scaduti ed andati a male, e nello specifico le forze dell’ordine durante le operazioni di verifica e controllo hanno distrutto oltre 35 kg di derrate alimentari non tracciate ed in parte anche scadute. In totale sono risultati essere 19 gli ospiti della struttura 10 dei quali collocati nella casa di cura non autorizzata, mentre gli altri nove all’interno della casa abusiva. Si tratta di anziani tutti dell’età compresa tra i settanta ed i 90 anni,i quali adesso sono stati affidati ciascuno alla propria famiglia ad eccezione di uno che purtroppo non ha famiglia e per questo motivo è stato affidato ad un’altra struttura sanitaria di Roma, grazie all’interno degli assistenti sociali del comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.