Caso fratello del Ministro Alfano, i parlamentari chiedono le dimissioni: “Non lascio, non faròcome Lupi”

Caso fratello del Ministro Alfano, i parlamentari chiedono le dimissioni Non lascio, non faròcome Lupi

E’ finito nei guai il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, coinvolto nell’indagine della Procura di Roma sulla corruzione nella Capitale; inizialmente la vicenda vedeva coinvolto il fratello Alessandro ovvero l’uomo che Raffaele Pizza vantava di aver fatto assumere a Postecom, in qualità di dirigente.

In seguito, sono anche emersi dei documenti inoltrati al gip Giuseppina Guglielmi nell’ambito dell’inchiesta Labirinto e nello specifico sembra sia stata portata alla luce un’intercettazione da parte della Guardia di Finanza, in cui figura il nome del padre del numero uno del Viminale. Mio fratello Raffaele? Ovviamente lo conosco, ma non c’è mai stata una grande comunanza fra noi. E raramente passo per il suo ufficio”,spiega l’ex sottosegretario di Berlusconi Giuseppe Pizza. Mentre Alfano, prontissimo a difendere il padre da queste accuse, parlando di Alessandro dice poco o quasi niente; il Ministro sostanzialmente si limita a protestare per le intercettazioni usate ai fini politici, che non riguardano se stesso bensì terze e quarte persone, che lo stesso dice di non vedere ne sentire da anni ormai.

“Oggi la barbarie illegali arriva a farmi scoprire dalle intercettazioni tra due segreterie, che un uomo di ottant’anni il cui fisico è da tempo fiaccato da una malattia neurodegenerativa che non lo rnde pienamente autosufficiente, avrebbe fatto pressioni presso le Poste per non so quale fantastiliardo di segnalazioni”, è questa la reazione del Ministro dell’interno dopo il caso scatenato dall’indagine della Procura di Roma sulla corruzione nella Capitale. Sulla base di quanto accaduto nei giorni scorsi, i capigruppo pentastellati di Camera e Senato, Laura Castelli e Stefano Lucidi hanno chiesto le dimissioni immediate del Ministro dell’Interno. Accuse anche dal blog di Beppe Grillo, dove piovono attacchi nei confronti del leader Ncd e nello specifico si legge un post dal titolo: “Il fratello di Alfano: interrogazione senza risposta”.

Sempre sul blog di Beppe Grillo spunta un video allegato del deputato M5s Alessandro Di Battista dal titolo: “Ecco chi è Angelino Alfano”. Anche il leader della Lega Nord Matteo Salvini non ha perso occasione per attaccare il Ministro Alfano e per questo motivo ha lanciato un appello: “Ministro Alfano, faccia una cosa giusta: dimissioni. Non per l’assunzione del fratello alle Poste o per quello che avrebbe fatto il padre, ma per la sua totale incapacità di difendere i confini e la nostra sicurezza, i cittadini italiani e le stesse forze dell’Ordine”, scrive il leader della Lega Nord Matteo Salvini su Facebook.”Angelino Alfano sta facendo bene il suo lavoro di ministro e le cose che leggiamo non coinvolgono né il suo lavoro né la correttezza del suo comportamento. La richiesta di dimissioni è pretestuosa“,ha detto il capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato. “Alfano non ha alcuna intenzione di dimettersi”, tranquillizza Paolo Alli, deputato e tesoriere di Ncd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.