Shock a Castiglione della Pescaia un boato e le urla della gente: in un attimo il pavimento è crollato

Durante il pranzo di Pasqua, il pavimento del locale “Le Rocchette“, una palafitta sulla spiaggia, ha ceduto.

Una lastra si è improvvisamente staccata verso l’angolo esterno del ristorante di Grosseto e i commensali se la sono vista brutta, con i tavoli e le sedie in bilico sul pavimento.

Nessuno è rimasto ferito in modo grave: una ragazza, che in un primo momento era stata portata al pronto soccorso e le cui condizioni sembravano gravi, è già stata dimessa. Le altre persone coinvolte nell’incidente hanno riportato solamente qualche contusione.

La Procura di Grosseto ha aperto un’inchiesta che cercherà di chiarire le ragioni che hanno portato al crollo di una parte della sala da pranzo. Sul oltre, ai vigili del fuoco, anche carabinieri, polizia municipale, capitaneria di porto e 118. Fra le prime ipotesi fatte dagli inquirenti vi è quella di un’usura provocata dalla salsedine, ma, allo stato attuale delle cose, ogni ipotesi appare come prematura.

I vigili del fuoco sono immediatamente intervenuti con tre squadre. Sul posto anche carabinieri, 118, vigili urbani e capitaneria di porto.”Per fortuna non ci sono stati feriti _ continua a ripetere la signora Alessandra _ anzi, i clienti ci hanno aiutati a rimettere a posto. Mi hanno dato delle pacche sulla spalla per dirmi: “Come farete quest’estate?”. Era il primo giorno di apertura: non ci voleva”.

Lo stabilimento balnerare Le Rocchette e il suo ristorante sono un locale storico della zona, costruito a palafitta, come ce ne sono molti a Castiglione della Pescaia. La struttura è stata posta sotto sequestro preventivo e la Procura è stata informata. Sul crollo sono in corso accertamenti dei carabinieri e dei vigili del fuoco, che dovranno capire le cause del cedimento. La zona, va da sé, è naturalmente sottoposta all’usura provocata dalla salsedine ma ogni ipotesi al momento è prematura.

“Quest’anno ci sono state delle mareggiate _ spiega la titolare _ ma come sempre. E poi c’è molta più spiaggia rispetto all’anno passato. La struttura è comunque tenuta bene. Ogni anno, sei mesi prima dell’apertura, lo stabilimento viene sottoposto a manutenzione”.

Ironia della sorte, proprio quest’anno i titolari avevano intenzione di rifare totalmente lo stabilimento. “A ottobre, avevamo deciso, si sarebbe fatto tutto nuovo – dice Alessandra – Ora speriamo di farcela ad aprire a giugno, speriamo che l’amministrazione ci dia una mano con i tempi dei permessi. Mi scuso davvero con i clienti che erano a tavola. Quando riapriremo, faremo una festa grande e sono tutti invitati”.CONTINUA A LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.