Catania e Ragusa, due tragedie nei mari siciliani: due giovani ed un uomo muoiono annegati

Catania e Ragusa, due tragedie nei mari siciliani due giovani ed un uomo muoiono annegati

Una tragedia quella avvenuta nella giornata di ieri nei pressi di Catania, dove due giovani rispettivamente di 19 e 25 anni sono stati trovati annegati dai sommozzatori, dopo diverse ore di ricerche. Le due vittime erano due giovani di origini rumene residente a Paterno, ovvero Madalyn Lupoae di 19anni ed il 25enne Iulian Gherghel, ritrovati morti purtroppo dopo essere annegati.

L’allarme sarebbe stato lanciato intorno alle ore 18 di di ieri da un terzo amico che si trovava in loro compagnia; i tre erano andati a pescare in territorio paternese all’altezza di Ponte Barca, più o meno quando ad un certo punto i due sarebbero caduti o tuffati volontariamente in mare senza purtroppo fare più ritorno. Il terzo amico che ha lanciato l’allarme ha anche raccontato di aver visto i due giovane morire tra tra le acque torbide del fiume. Secondo una prima ricostruzione sembra che i due amici per rinfrescarsi, visto la temperatura estiva di ieri in Sicilia, avevano deciso di fare un bagno in mare, ma una volta tuffati questi sarebbero stati portati via dalla corrente e solo a quel punto il terzo amico rimasto sulla riva ha capito che qualcosa non andava per il verso giusto chiamando il 112.

Sul posto nel giro di pochissimi minuti si sono riversate diverse pattuglie del 112 e sono subito scattate le ricerche alle quali hanno anche partecipato i militari dell’Arma ed ancora i vigili del fuoco di Paternò, un elicotter,ed infine Drago 68 ovvero una squadra di sommozzatori ed esperti del team Speleo alpino fluviale. I corpi sono stati recuperati dai sommozzatori dei vigili del fuoco di Catania vicino al punto dal quale si erano tuffati. Purtroppo questo non è stato l’unico incidente in mare avvenuto nella giornata di ieri n Sicilia, viso che un’altra tragedia è avvenuta nei pressi della spiaggia della Lanterna a Scoglitti nel Ragusano dove un uomo sempre romeno di 50 anni è morto annegato mentre un suo amico di 45 anni è ricoverato in ospedale purtroppo in prognosi riservata. Sembra che i due amici si siano lanciati in mare per soccorrere una loro connazionale che stava annegando e che adesso si trova in uno stato di shock, per quanto accaduto ai due uomini accorsi per salvarle la live.

Con la vittima in acqua c’erano anche la madre del 35enne, illesa e sotto choc, e un amico e connazionale di 44 anni, che è ricoverato in coma farmacologico nell’ospedale Guzzardi di Vittoria, ma che non sarebbe in pericolo di vita. Questa tragedia ricorda quella del giovanissimo ragazzo di 18 anni di origine marocchina disperso in mare circa un mesetto fa nel tratto di costa dell’Addaura e ritrovato poi senza vita dopo alcuni giorni di ricerche.Il giovane si trovava al mare con amici e aveva deciso di lanciare da una scogliera peccato che gli amici non lo videro più risalire lanciando così l’allarme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.