CharityStars, la startup delle aste di beneficienza con i vip che guadagna fino a 2 mln anche grazie a Messi

CharityStars, la startup delle aste di beneficienza con i vip che guadagna fino a 2 mln anche grazie a Messi

Arriva la prima piattaforma italiana di aste di beneficenza online, chiamata CharityStars che stando a quanto emerso chiude un round di 2 milioni di euro a cui hanno preso parte 360 Capital Partners riuniti nella piattaforma di investimento FocusFuturo, alla quale è legato anche il calciatore della squadra giallorossa Stephan El Sharaawy. La piattaforma è stata fondata dal presidente di BravoFly Rumbo Group e ne fa parte anche il giudice di SharkTank Fabio Cannavale e Rancilio Cube.

“Siamo diventati un partner di riferimento per oltre 400 organizzazioni non-profit.Ad oggi ogni associazione organizza mediamente 10 aste all’anno sul nostro sito. Il nostro obbiettivo è arrivare a 2000 associazioni attive entro il 2018 e raddoppiare lo scontrino medio delle vendite, che oggi è di circa 500 euro“, ha dichiarato Francesco Nazzari Fusetti, ovvero il co-founder del progetto insieme ai soci Manuela Ravalli e Domenico Gravagno.

Fusetti ha inoltre aggiunto che dopo aver sfondato nel Regno Unito, adesso l’obiettivo è quello di iniziare ad avviare il nuovo progetto al mercato Usa e cinese e proprio su quest’ultimo sembra che già siano davvero tanti gli utenti che seguono la piattaforma costantemente e che sono diventatati dei top spenders. “Abbiamo appena lanciato la versione cinese del sito e vogliamo investire in campagne marketing mirate. Per noi si tratterebbe anche delle prime campagne di paid acquisition online, dato che ad oggi abbiamo beneficiato gratuitamente delle promozioni fatte dai VIP tramite i loro canali social”, ha aggiunto Fusetti. La piattaforma online ha sede a Milano ma ha uffici a Londra e nei primi quattro mesi del 2016 ha visto crescere la propria raccolta del 120% rispetto al 2015; lo scorso anno CharityStars aveva transato ben 1,8 milioni di euro di vendite online, trattenendo una fee media intorno al 20%. La novità più importante del 2016 è la seguente, ovvero se prima soltanto le associazioni potevano caricare le aste ora la piattaforma si apre anche ad utenti privati.

Tra le migliori aste avvenute lo scorso anno, citiamo ad esempio il pranzo organizzato con il fondatore di Candy Crush Riccardo Zacconi, venduto per 25.000 mila euro, e poi un’opera d’arte di Andy Warhol venduta a 27.000 euro, un casco di Valentino RossiCurioso come talvolta nel corso degli anni alcuni investitori siano passati da VIP all’asta della piattaforma, ed è il caso di Fabio Cannavale, che nel 2015 aveva messo all’asta la possibilità di incontrarlo provando il funzionamento del portale direttamente su se stesso. Proprio a tal riguardo, Fabio Cannavale ha dichiarato:“E’ stata una grande sorpresa scoprire che qualcuno potesse pagare 3.000 euro per un pranzo insieme a me CharityStars è un marketplace unico nel suo genere che ha le potenzialità per diventare il punto di riferimento per il settore in cui opera”, venduto a 15.000 euro ed una maglietta di Messi con dedica personalizzata venduta a 11.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.