Fertilità, allarme per gli adolescenti: Cinque consigli utili per prevenire l’infertilità

C_2_articolo_3010539_upiImagepp

Fino 10 anni fa, non avresti mai concepito che oggi, più della metà degli adolescenti presenta un problema andrologico. Molte volte queste problematiche si trasformano in vere proprie patologie, come possiamo vedere nelle infertilità maschile. Sembra contraddittorio, ma è proprio così, negli ultimi anni I casi sono aumentati notevolmente con risvolti preoccupanti. Oltre 80% dei disturbi andròlogici matura in età pediatrica.

I consigli contro l’infertilità

“I pediatri di famiglia italiani dovranno inserire nei bilanci di salute anche la condizione andrologica, che verrà monitorata tramite la compilazione a età prestabilite di una scheda andrologica”, spiega Matteo Sulpasso, ideatore dell’iniziativa. Ecco i cinque consigli degli andrologi per proteggere ragazzi, tra i 15 e i 20 anni.

le cinque Regole

1. Non dare mai nulla per scontato, bisogna necessariamente eseguire dei controlli periodici raccomandati da pediatri e medici di famiglia.

2.
 Non esagerare con i “vizi”, basta al fumo e all’abuso di alcool, Stare lontani anche alle sostanze dopanti in chiave sportiva

3.
 Una corretta alimentazione, stile di vita adeguato, curare al meglio l’attività fisica, ma senza esagerare.

4.
Evitare l’eccesso di calore a livello dello scroto (anche un pc sulle gambe provoca un aumento della temperatura), usare slip e pantaloni non troppo stretti e soprattutto che non generano troppo calore.

5.
Limitare l’esposizione alle sostanze inquinanti.

INFERTILITA

L’OMS definisce sterilità la situazione di una coppia in cui uno o entrambi i membri di una coppia sono affetti da una condizione fisica permanente che non rende possibile il concepimento. Questo si verifica in caso di azoospermia, di menopausa precoce o di assenza di utero congenita. Si parla, invece, di infertilità quando una coppia, per cause relative all’uomo o alla donna, non riesce ad ottenere una gravidanza dopo un anno di rapporti costanti e non protetti. Il termine infertilità, quindi, al contrario di sterilità, non si riferisce ad una condizione assoluta, bensì ad una situazione generalmente risolvibile e legata ad uno o più fattori interferenti.La differenza tra i due termini spesso viene elusa anche in ambito formale: autorità sanitarie, progetti ministeriali, personale medico, utilizzano come sinonimi due termini che tali non sono. Questo implica conseguenze socioeconomiche importanti, come per esempio la possibilità di usufruire della copertura da parte del servizio sanitario.

Cause

Secondo l’Associazione Americana per la Medicina Riproduttiva, la sterilità colpisce circa 6,1 milioni di persone negli Stati Uniti, ossia il 10% della popolazione in età fertile. La sterilità femminile conta per un terzo dei casi, quella maschile per un altro terzo, lasterilità di coppia (sterilità combinata) per il 15% e il resto rimane “inspiegato”.

In Italia, secondo una relazione avente come oggetto lo “Stato di attuazione della Legge N. 40/2004, Art. 15, in materia di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)”, presentata dall’Istituto Superiore di Sanità (organo del Ministero della Salute) al Parlamento il 30 aprile 2008, si riscontrano i seguenti fattori causali di infertilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.