Corea del Nord riaccende reattore nucleare che produce plutonio, da utilizzare per le armi atomiche

La Corea del Nord ha riacceso il reattore nucleare a plutonio nel sito di Yongbyon che potrebbe fornire combustibile utilizzabile per le armi nucleari. La notizia è arrivata nella giornata di ieri ed è stata annunciata dal direttore dell’intelligence Usa James Clapper in audizione al Senato Usa. Lo stesso Clapper ha aggiunto: “Abbiamo anche valutato che la Corea del Nord abbia mantenuto operativo il reattore abbastanza a lungo in modo da poter iniziare a recuperare il plutonio dal combustibile del reattore nel giro di settimane o mesi”. Il timore principale sarebbe quello secondo cui un tale impianto possa fornire nel giro di pochissimo tempo ovvero di mesi non di certo di settimane, tutto quello che serve per costruire un ordigno nucleare.

Nel corso dell’audizione davanti al Congresso, lo stesso Clapper ha sottolineato il fatto che il regime di Kim nonostante i divieti imposti dalla comunità internazionale ed il rischio di sanzioni, sta andando avanti nella realizzazione del suo sistema di missili balistici intercontinentali. Nel rapporto scritto da James Clapper, si legge: “La Corea del Nord ha deciso di sviluppare un missile nucleare a lungo raggio capace di minacciare direttamente gli Stati Uniti».Ormai da parecchie settimane la Corea del Nord non fa altro che sfidare con le proprie azioni l’autorità dell’Onu la comunità internazionale e la Cina ovvero il suo alleato storico.

Ricordiamo che già lo scorso 7 febbraio la Corea del Nord ha lanciato un razzo a lungo raggio che ha provocato parecchie polemiche; queste azioni o meglio iniziative hanno provocato la reazione di Stati Uniti, Giappone e Corea del sud che hanno voluto convocare d’urgenza il Consiglio di sicurezza dell’Onu nel corso del quale è stato ribadita la necessità di adottare ulteriori e significative misure contro il regime di Puongyang.

Intanto, giusto lo scorso mese il governo nordcoreano si era espresso in questo modo: “La repubblica popolare democratica di Corea (Dprk) è uno stato che ama sinceramente la pace e che ha fatto ogni sforzo per proteggere la penisola coreana dalla funesta ipotesi di una guerra nucleare statunitense. Gli Stati Uniti sono una banda di crudeli predoni che ha fatto di tutto per provocare un disastro nucleare in Corea. Con questo test la Repubblica popolare democratica di Corea è fiera di essere entrata a far parte del ristretto novero dei paesi dotati di armi nucleari. E il popolo coreano ha dato prova dello spirito di una nazione fiera e dotata del più potente deterrente nucleare esistente”. In realtà sembrerebbe che il governo nordcoreano crede davvero che gli Stati Uniti userebbero armi nucleari contro di esso e che dunque l’unico modo per stare al sicuro e quello di avere a disposizione delle armi atomiche e missili balistici da poter utilizzare all’occorrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.