Corso Trieste, 14enne scompare e poi torna a casa dalla famiglia: problemi a scuola con i voti e i compagni

Sono stati momenti di forte paura quelli vissuti da una famiglia di Corso Trieste in seguito all’improvvisa scomparsa di Denis Liaskos, un ragazzino di soli quattordici anni di cui si erano perse le tracce. Per fortuna però alla fine vi è stato il lieto fine, nonostante le accurate ricerche le forze dell’ordine non sono riuscite a rintracciare Denis che si è invece recato a casa spontaneamente, da solo, in lacrime ma senza raccontare quelli che sono stati i motivi che lo hanno spinto ad allontanarsi volontariamente dalla sua famiglia e dalla sua casa.

A lanciare l’allarme in seguito alla sua scomparsa era stata la mamma del quattordicenne che frequenta la scuola media Settembrini di Corso Trieste ma per fortuna tutto è andato per il meglio ed il ragazzo è tornato a casa dalla sua famiglia. In realtà, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni e stando a quanto dichiarato proprio dai genitori, il ragazzino si era già allontanato volontariamente da casa anche altre volte, e l’ultimo episodio fa riferimento nello specifico allo scorso 11 gennaio 2016, poco meno di un mese fa quando il giovane dopo essersi allontanato da casa, è stato ritrovato dopo poche ore sotto casa, davanti al portone molto triste e proprio in questa occasione il ragazzino avrebbe detto alla sua famiglia di volere andare via per non creare problemi a nessuno.

Il padre del quattordicenne a tal proposito ha dichiarato “A volte sragiona, non sa quello che dice. E questo preoccupa ancora di più, perché Denis potrebbe cacciarsi nei guai”.Il padre inoltre ha anche parlato dei problemi del figlio con lo studio e con i compagni di classe affermando nello specifico “Purtroppo non va benissimo a scuola ed ha rapporti difficili con i suoi compagni di classe. Proprio ieri aveva preso la pagella, aveva brutti voti e questa situazione gli ha sempre creato molta ansia”. Il ragazzino adottato ed in cura al policlinico Umberto I a causa di disturbi comportamentali, sembrerebbe essersi allontanato da casa dunque per una insofferenza legata al cattivo rapporto con i compagni di scuola e allo stesso tempo per gli scarsi risultati ottenuti proprio a scuola. Una situazione questa che, secondo le prime indiscrezioni trapelate sul caso, creerebbero nel giovane uno stato di ansia tale da spingerlo ad allontanarsi dalle persone che invece lo amano molto.

Per cercarlo, nelle ore legate alla sua scomparsa, si era mobilitata anche l’Atac e nello specifico erano state distribuite agli autisti delle linee di bus che il quattordicenne solitamente prende per tornare a casa proprio le sue foto e poi ancora sul web era stata diffusa la notizia con estrema velocità. Il padre del ragazzino, un uomo di nome Stamatios Liaskos, ha inoltre affermato “Per ora non ho voluto insistere per chiedergli i motivi del suo gesto è spaventato e stressato e voglio dargli il tempo di calmarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.