Dieta minima-digiuno del dottor Longo: ecco come funziona,i benefici e le controindicazioni

dieta-minima-digiuno-del-dottor-longo-ecco-come-funzionai-benefici-e-le-controindicazioni

In questi giorni si è a lungo parlato della dieta minima digiuno, ovvero della tecnica messa a punto dal dottor Valter Longo, un regime alimentare da seguire solo per pochi giorni ed in modo sporadico che sarebbe in grado di offrire molti vantaggi al nostro organismo proprio come un digiuno.Secondo questo regime, messo a punto dal dottor Longo della University of Southern California, dopo uno studio durato quasi 25 anni, si alternano giorni in cui si mangia regolarmente a periodi in cui si limita l’apporto calorico in modo netto o non si consuma proprio alcun cibo. Si tratta sostanzialmente di una dieta che trascende anche religione e cultura, ovvero il Ramadan.E’ questo quanto spiegato in questi giorni dal Dottor Longo proprio in un servizio di Nadia Toffa de Le Iene, intitolato “Una dieta che allunga la vita”. Il dottor Longo ha spiegato e soprattutto dimostrato che curarsi con il cibo è possibile, anzi è considerata la strada giusta per ridurre il grasso addominale, rigenerare ringiovanire il nostro corpo riducendo di tanto il rischio di ammalarsi di cancro, di patologie cardiovascolari e autoimmuni, diabete e malattie neuro degenerative come l’Alzheimer.

Secondo quanto riferito dal dottor Longo, cinque giorni di magra ogni 3-6 mesi farebbe guadagnare almeno 10 anni di vita; il digiuno migliorerebbe la salute e tenderebbe a prolungare l’aspettativa di vita per le sue ricadute sul funzionamento di cellule ed ormoni. Vi starete chiedendo il motivo? Stando a quanto dichiarato dal dottore, astenersi dal cibo per 24 ore provoca nel cervello la formazione di nuovi neuroni e l’organismo si metterebbe così sulla difensiva adottando una serie di precauzioni virtuose, come abbassare l’infiammazione, migliorare la risposta immunitaria e potenziare la capacità delle cellule di liberarsi dalle sostanze di scarto. “Ogni ciclo di dieta mima digiuno riusciva a distruggere una componente delle cellule autoimmuni danneggiate e le sostituiva con cellule non più autoimmuni al punto che sul 50% dei topi vi era una forte diminuzione dei sintomi della sclerosi multipla e sul 20% dei topi addirittura venivano curati!”, ha dichiarato il dottor Longo.

Parlando del tipo di alimentazione da lui stesso promosso, il dottor Longo ha dichiarato: “Come stile di vita, sarebbe meglio impararlo fin da piccoli, per dare il giusto peso al cibo e al suo ruolo. Per i bambini andrebbe comunque inserita la carne, sia rossa che quella di pollo. Ma, senza forzare troppo la mano, comincerei al più presto a inserire sostituti della carne, proteine vegetali. Basta anche solo un pasto al giorno, un piatto di pasta con i ceci e le verdure è il pasto ideale per tutti”. E’ stato ideato uno specifico kit per seguire più facilmente questa dieta prodotto da L-NUTRA che dovrebbe trovarsi presto anche nelle farmacie italiane. Il kit può essere però sostituito con del cibo tradizionale ovviamente solo ed esclusivamente da un medico esperto in digiuno o dieta mima-digiuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.