Donna ritrovata sgozzata nella sua abitazione a Molinella, fermato il marito accusato di omicidio

Donna ritrovata sgozzata nella sua abitazione a Molinella, fermato il marito accusato di omicidio

Una donna di 51 anni, è stata ritrovata sgozzata nella sua abitazione sita nelle campagne di Molinella in provincia di Bologna, nella notte tra martedì e mercoledì. Il corpo senza vista pare sia stato ritrovato dal marito, un tassista che ha chiamato i soccorsi raccontando di essere stato aggredito una volta arrivato a casa intorno alle ore 3 della notte e di aver trovato poi all’interno della villetta sita in una frazione del paese il corpo della moglie senza vita.

Le cose sarebbero andate in questo modo, secondo il racconto del marito, ovvero dopo essere stato colpito da alcuni sconosciuti fuori dall’abitazione, il tassista avrebbe perso conoscenza, ed al suo risveglio sarebbe entrato in casa ritrovando il corpo della moglie in un lago di sangue, con la gola tagliata.Il marito è finito in ospedale, dopo aver riportato alcune tumefazioni al volto, ed è stato quindi medicato al Maggiore, da dove è stato poi dimesso poco prima delle 7 di ieri mattina per essere accompagnato in caserma dove è rimasto tutto il giorno.  Il racconto dell’uomo non ha però convinto gli investigatori i quali hanno sottoposto l’uomo a fermo per omicidio volontario aggravato dal rapporto di coniugio.

Nel corso della giornata di ieri infatti l’uomo è stato raggiunto in caserma da un legale d’ufficio e si è avvalso della facoltà di non rispondere e poi trasportato presso il carcere della Dozza di Bologna. Il corpo della donna, intanto è stato posto all’attenzione del medico legale Sveva Borin che ha fatto sapere di aver riscontrato anche la rottura di alcuni denti oltre alla ferita alla gola che molto probabilmente ha provocato la morte; la donna non era vestita, e questo fa presupporre che la donna stava dormendo al momento dell’aggressione.

A questo punto è importante determinare l’orario della morte della donna per cercare di capire se il racconto del marito possa essere veritiero o se invece ha raccontato soltanto delle bugie. Sul posto ovvero nella villetta dove è stato rinvenuto il cadavere della donna gli uomini della scientifica hanno lavorato tutto il giorno per eseguire i rilievi e da quanto emerso sembra che sulla scena del delitto sia stato rinvenuto molto sangue.

Il marito presentava, come abbiamo già anticipato, dei lividi sugli avambracci ed anche delle escoriazioni, il quale sostiene di esserseli procurati dopo l’aggressione subita davanti casa; ed ancora il tassista nella giornata di ieri è stato sottoposto ad una TAC presso l’Ospedale Maggiore d Bologna, che non ha rilevato alcun trauma compatibile con una perdita di conoscenza prolungata, e questo andrebbe a scontrarsi con il suo racconto. E’ anche emerso, dalle indagini, che purtroppo tra marito e moglie nell’ultimo periodo le cose non andassero proprio per il meglio e che i litigi fossero molto frequenti.

Non è stato uno sconosciuto ad uccidere, con una coltellata alla gola,la bolognese 51enne aggredita in casa la scorsa notte. Per gli inquirenti l’assassino è il marito della donna, un tassista 52enne, che ora si trova in stato di fermo per omicidio aggravato. A dare l’allarme era stato proprio lui, la scorsa notte: intorno alle quattro aveva chiamato i soccorsi per la moglie «trovata in soggiorno priva di vita». Alla polizia aveva raccontato di essere rientrato a casa dopo un turno di lavoro, di essere stato aggredito da uno sconosciuto nei pressi dell’abitazione, di essere svenuto a causa dell’aggressione e di aver trovato, una volta ripresosi, il corpo della moglie esanime, con la gola tagliata. L’uomo presentava lievi ferite e lividi e per questo era stato accompagnato all’ospedale e sottoposto ad una Tac. I medici, però non hanno riscontrato segni di traumi così importanti da procurare una perdita di coscienza e, anche questo, ha concorso alla decisione del fermo. La coppia ha un figlio 14enne, che si trovava in gita scolastica. L’arma del delitto non è ancora stata trovata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.