Alessandria, si lancia dal cavalcavia, un carabiniere l’afferra per la caviglia e le salva la vita

0

donna-si-butta-dal-cavalcavia-un-carabiniere-lafferra-per-la-caviglia-e-le-salva-la-vita

Un salvataggio davvero eccezionale quello avvenuto nella giornata di domenica ed effettuato da un carabiniere che ha salvato la vita ad una ragazza di 28 anni la quale si stava gettando da un cavalcavia sopra la tangenziale di Alessandria. Il carabiniere è riuscito ad afferrare la caviglia della giovane mentre già aveva spiccato il volo verso il vuoto, da un’altezza di circa una quindicina di metri.La donna deve la sua vita ad Andrea Ghiazza, un carabiniere di 45 anni, il quale in quel momento, ovvero domenica mattina intorno alle ore 12 si trovava fuori servizio. L’uomo si trovava a passare per caso in un parco alla periferia di Alessandria insieme alle due figlie di 9 e di 12 anni, quando improvvisamente ha visto una giovane ragazza che stava per gettarsi da un cavalcavia sopra la tangenziale e senza pensarci su nemmeno una volta si è messo a correre e si è lanciato verso di lei, afferrandola per una caviglia mentre la giovane, come già anticipato, aveva fatto il salto verso il vuoto.

“Ho visto la donna con la coda dell’occhio. Cose volesse fare mi è apparso subito chiaro“, ha raccontato il carabiniere. Volata la donna dal cavalcavia, con uno scatto da velocista il carabiniere gli è andato dietro afferrandola per la caviglia, riuscendo comunque a mantenere l’equilibrio mentre la donna penzolava sulla tangenziale. Il carabiniere ha anche chiesto aiuto ad un passante e poi ad una seconda persona per riuscire a portare al sicuro la donna, ma fortunatamente il tutto si è risolto per il meglio.Entrambi hanno dovuto attendere l’arrivo di una terza persona per riuscire a tirare in salvo la donna.

Nella giornata di lunedì, il marito della giovane si è recato al comando provinciale di Alessandria dove lavora Ghiazza, di Alessandria, semplicemente per ringraziarlo. Il sottufficiale è riuscito a raccontare l’accaduto al marito dichiarando: “Diciamo solo che sono stati commoventi, piangevamo in diversi”.Maresciallo, se lei non fosse passato di lì… “E se non fossero passati gli altri due soccorritori? Sarei rimasto da solo nel cercare di sorreggere la ragazza, ma sentivo le forze che cominciavano a mancarmi mentre vedevo le auto di sotto. Preferisco non pensarci…”.

Rispondi o Commenta