Elezioni comunali del 5 giugno, il Ministro Alfano annuncia: “Si voterà soltanto la domenica”

Elezioni comunali del 5 giugno, il Ministro Alfano annuncia Si voterà soltanto la domenica

Si avvicinano le elezioni comunali in Italia che si terranno il 5 giugno 2016, e stando alle ultime novità lanciate dal Ministro dell’Interno Angelino Alfano dopo il Consiglio dei Ministri della giornata di ieri, queste si terranno in un unica giornata, ovvero solo di domenica. Il governo aveva già pensato a questa soluzione ma poi si era cambiato idea per poi ritornare sui primi passi e dunque adesso è confermato si voterà soltanto domenica 5 giugno.

Il motivo? Sicuramente la motivazione principale è legata ad un fattore economico, perchè allungare l’apertura delle urne su due giornate avrebbe comportato un aumento dei costi, non indifferente. «Avevo proposto l’estensione del voto sia al lunedì di questo turno amministrativo che a quello della consultazione referendaria, e ovviamente per tutte le elezioni a seguire, per andare incontro a una istanza che mi veniva rappresentata da più parti e cioè di ampliare la partecipazione al voto e ridurre i rischi di astensione dalle urne», ha dichiarato il Ministro Angelino Alfano al termine del Consiglio dei ministri avvenuto nella giornata di ieri.

La spesa in più per votare anche di lunedì «non sarebbe stata di centoventi milioni di euro, ma l’incremento sarebbe stato di circa cinque milioni di euro per le amministrative e di circa diciotto per il referendum», ha poi precisato il ministro, riferendosi ad alcune stime circolate riguardo l’aumento dei costi dovuto al voto su due giorni.Tanti gli esponenti politici di diversi partiti che hanno contestato la decisione annunciata dal Ministro Alfano, a cominciare dal Leader del Carroccio, Matteo Salvini il quale ha dichiarato: “E’ un governo che riesce a cambiare idea ogni mezz’ora, mi dispiace perché più cittadini partecipano ed è meglio per la democrazia. Renzi ormai ha paura anche della sua ombra, vorrà dire che vinceremo in un solo giorno.

Intervenuto sulla vicenda anche il Presidente del Pd, Matteo Orfini il quale nel accorso a Sesto Fiorentino per sostenere il candidato sindaco dem Lorenzo Zambini ha dichiarato: “Non avrei avuto nulla in contrario a votare anche lunedì. Tanto più dopo un ponte, strumenti che consentano più possibilità di voto non vanno demonizzati e non si può valutare tutto in base ai costi. La democrazia ha un costo e se uno vuole risparmiare non si vota proprio, ma non sarebbe auspicabile. E’ stata fatta una scelta diversa, si è deciso di votare solo domenica: va bene lo stesso. Nel momento in cui si aprono polemiche, probabilmente è giusto così“.Si è dichiarato indifferente alla questione, invece il candidato sindaco di Roma per il Pd Roberto Giachetti il quale ha dichiarato: “Io avevo detto che qualunque fosse stata la decisione sarebbe andata bene. Penso che il nostro compito sia quello di parlare con i romani, ovviamente convincerli delle nostre proposte e di farli venire a votare perchè sono convinti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.