Equitalia, in arrivo 300 mila lettere nelle case degli italiani per pagare a rate i propri debiti

Equitalia, in arrivo 300 mila lettere nelle case degli italiani per pagare a rate i propri debiti

E in arrivo in molte case italiane, la cartella amica ovvero il modulo con cui sarà possibile scegliere come pagare e in quante rate il proprio debito con il fisco. Sembra che Equitalia abbia spedito in questi giorni circa 330 mila lettere i cui poco meno di 90 mila indirizzate nelle aree metropolitane di Roma Milano e Napoli.

Dunque nel caso in cui dovesse arrivarvi una cartella con mittente Equitalia non fatevi prendere dal panico perché tale documento vale esclusivamente per i debiti compresi tra 600 e €50000 ed è destinato soltanto ai contribuenti che non hanno mai attivato un piano di rateizzazione con Equitalia. “Abbiamo voluto inserire nella cartella uno strumento semplice in cui sono indicate le varie possibilità per poter pagare a rate il proprio debito. Vogliamo fare il possibile per ridurre al minimo la burocrazia e dialogare con una società che rappresenta l’ultima occasione per mettersi in regola”, ha dichiarato l’Ad Ernesto Maria Ruffini.

Dunque, attraverso questa cartella amica, gli utenti potranno indicare il sistema di rateizzazione prescelto per ripagare il proprio debito, decidendo anche la tempistica di restituzione e anche l’importo da pagare tramite la singola rata. Bisogna comunque calcolare, che poi ad ogni rata verranno calcolate degli interessi ed anche gli oneri di riscossione, pari al 3% dell’importo dovuto nel caso in cui il piano di rateizzazione venga attivato entro un mese dalla notifica della cartella esattoriale. Inoltre, bisogna anche aggiungere che il contribuente che riceve la cartella e aderisce ad un piano di rateazione dovrà firmare il modulo e consegnarlo ad uno sportello Equitalia oppure inviarlo via Pec, o tramite posta ordinaria con raccomandata.

“Abbiamo voluto inserire nella cartella uno strumento semplice in cui sono indicate le varie possibilità per poter pagare a rate il proprio debito. Vogliamo fare il possibile per ridurre al minimo la burocrazia e dialogare con una società che rappresenta l’ultima occasione per mettersi in regola”, ha aggiunto l’ad di Equitalia spa Ruffini. Qual è dunque l’obiettivo della cartella amica? Da un lato è quello di agevolare la riscossione, da parte di Equitalia, dei crediti in sospeso con il contribuente, dall’altro mira anche a ripristinare un rapporto fiduciario tra i cittadini e il Fisco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.