Esame di maturità 2017, nessun cambiamento in vista: arriva la conferma del Miur

0

esame-di-maturita-2017-nessun-cambiamento-in-vista-arriva-la-conferma-del-miurNonostante la scuola sia iniziata da poche settimane, si parla già di esami di maturità e stando a quanto è emerso, nelle prossime ore saranno pubblicati i primi atti relativi agli esami di maturità del 2017 che non sembrano contenere delle modifiche rispetto alle regole attuali. Nello specifico nelle prossime ore verranno rese note le modalità previste per i candidati esterni e poi ancora la composizione delle commissioni, è questo quanto annunciato dall’Ansa nella giornata di ieri, giornata in cui sembra essere giunta la smentita da parte del Miur sui possibili cambiamenti in arrivo sull’esame di Maturità del prossimo giugno. Non si cambiano le regole del gioco in corsa”, è questo quanto riferito nella giornata di ieri dal Ministero dell’Istruzione in merito a notizie di stampa sulle novità che riguardano l’esame di maturità.

“La legge delega in materia di valutazione è del resto ancora oggetto di consultazioni e non esistono novità su un tema di questa rilevanza verrebbe comunicata tempestivamente e con modalità ufficiali al mondo della scuola da parte del Ministero, nel rispetto di migliaia di insegnanti, di studenti e delle loro famiglie”, ha aggiunto ancora il Ministero dell’Istruzione che ha concluso con il dichiarare che nelle prossime ore saranno appunto pubblicati i primi atti relativi all’esame 2017. Anche il Ministro dell’Istruzione Giannini ha confermato la mancanza di novità per il prossimo esame di maturità e proprio a tal riguardo ha dichiarato: “Chiarisco tassativamente: per modificare una virgola dell’esame di Stato 2017 il provvedimento avrebbe dovuto essere approvato entro l’inizio dell’anno scolastico. Questo non è avvenuto”.

Poi rivolgendosi ai cronisti presenti che le chiedevano delle anticipazioni sull’esame di maturità il Ministro Stefania Giannini ha aggiunto: “Mi sembra che francamente i giornali a volte vengano riempiti con cose vecchie, quello è il contenuto di una bozza redatta sotto la guida della commissione ministeriale che se ne occupa ma risale a mesi fa e riporta diverse inesattezze”. Nei giorni scorsi erano state diffuse alcune notizie riguardanti la possibilità di alcune modifiche riguardi le prove scritte e nello specifico si parlava di un addio alla terza prova. Ad oggi, queste novità sembrerebbero essere state smentite, ma per avere ulteriori certezze bisognerà attendere le prossime ore.

Rispondi o Commenta