Modella grassa censurata da Facebook: il social chiede scusa

Facebook al centro della polemica censurata la foto di una modella xxl, poi arrivano le scuseL’amatissimo social network Facebook, utilizzato in tutto il mondo da miliardi di utenti, nelle ultime ore è particolarmente finito al centro dell’attenzione mediatica di tutto il mondo ma soprattutto al centro di numerose critiche e polemiche per aver censurato la fotografia di una modella plus-size e dunque taglia forte, perchè violava gli standard di salute e sicurezza del social network spiegando nello specifico “L’immagine non è stata approvata perché contraria alla nostra politica su Salute e Fitness.

Mostra un corpo o parti del corpo in un modo indesiderabile e include primi piani di grasso e cellulite e la promozione di una condizione medica negativa, come i disordini alimentari. Il post non verrà rimosso, ma non può apparire come annuncio. Al suo posto, consigliamo l’immagine di un’attività, come correre o andare in bicicletta”. Nello specifico ecco che, protagonista della fotografia in questione, è la modella xxl Tess Holliday, immortalata in una fotografia in bikini per promuovere l’evento “Femminismo e grasso” del talk show australiano “Cherchez la femme”.

La fotografia in questione è stata effettuata in occasione della puntata che affronta. come precedentemente anticipato, il tema “femminismo e grasso” e l’intento era proprio quello di promuovere l’accettazione del corpo in tutte le sue taglie motivo per il quale gli organizzatori della trasmissione avevano chiesto la messa in evidenza del post promozionale dell’evento su Facebook ma ecco che il celebre e utilizzatissimo social, come precedentemente anticipato, ha pensato bene di censurare l’immagine in questione per i motivi sopra elencati. Ma la modella xxl, che nel corso della sua vita ha dovuto molte volte affrontare e superare momenti molto difficili soprattutto a causa di sfottò ricevuti e episodi di bullismo, ha pensato bene di non arrendersi davanti alle parole espresse dalla società del social network e ha così deciso di dare il via ad una campagna proprio contro l’atteggiamento adottato dall’azienda ed ecco che è riuscita nel suo intento ovvero quello di ricevere le scuse da Facebook.

“Il nostro team analizza milioni di immagini pubblicitarie ogni settimana e in alcuni casi proibiamo ingiustamente delle pubblicità. Questa immagine non viola le nostre linee guida. Ci scusiamo per l’errore“, sono state nello specifico le parole espresse in un comunicato ufficiale diffuso proprio da Facebook. Il gruppo australiano che organizza i talk show ovvero Cherchez La Femme, dopo aver ricevuto il messaggio di scuse proprio da parte della celebre azienda ha invece affermato “Facebook ha ignorato il fatto che il nostro evento discuterà della positività del corpo – che è presente in tutte le forme e taglie, ma nel caso particolare del nostro evento, in corpi grassi – ed è invece giunto alla conclusione che avessimo intenzione di far star male con se stesse le donne, pubblicando l’immagine di una meravigliosa donna taglia forte”.

Ha sconfitto i bulli, ha messo al tappeto i preconcetti del mondo della moda, ora Tess Holliday ha messo k.o. pure Facebook. La modella plus size più celebre del Pianeta (lei vieta di usare il termine curvy, in attesa del secondo figlio, ha costretto infatti il social network a fare marcia indietro dopo che aveva bloccato una sua fotografia usata per promuovere l’evento “Femminismo e grasso”, organizzato da Cherchez La Femme, un gruppo australiano che organizza talk show su tematiche femministe. Jessamy Gleason, produttrice dell’evento, ha detto di essere rimasta senza parole quando Facebook ha respinto la sua richiesta di “spingere” il messaggio pubblicitario perché “raffigura un corpo in modo indesiderabile”. Facebook era prontamente intervenuto dichiarando: “L’immagine non è stata approvata perché contraria alla nostra politica su Salute e Fitness. Mostra un corpo o parti del corpo in un modo indesiderabile e include primi piani di grasso e cellulite e la promozione di una condizione medica negativa, come i disordini alimentari. Il post non verrà rimosso, ma non può apparire come annuncio”. Un’impiegata di Facebook ha spiegato via e-mail ai responsabili che la foto poteva rimanere sulla home page dell’evento, ma non essere diffusa come pubblicità. “Al suo posto, consigliamo l’immagine di un’attività, come correre o andare in bicicletta”, perché le linee guida del social vietano pubblicità che mettono in risalto il grasso in eccesso. Ma non avevano fatto i conti con la popolarità e soprattutto la caparbietà di Tess. Per tutta la sua giovinezza Tess ha subito le angherie dei bulli della scuola. Poi una volta cresciuta si è sentita ripetere che con le sue misure non avrebbe mai potuto lavorare nella moda. Ma non si è arresa e oggi è diventata una star dei social e ha persino fatto la protagonista di una campagna di lingerie su Vogue America. Inoltre ha creato il movimento #EffYourBeautyStandards, ha disegnato collezioni di abiti taglie forti ed è una testimonial della “body positivity”, ovvero della politica che spinge le donne ad accettare il proprio corpo. Il tutto con il supporto del suo compagno Nick Holliday e del suo primo figlio Rylee, i suoi più grandi fan. Così un attacco alla sua immagine ha immediatamente avuto una risonanza mondiale. E Facebook ha fatto marcia indietro: “Il nostro team analizza milioni di immagini pubblicitarie ogni settimana e in alcuni casi proibiamo ingiustamente delle pubblicità” si legge in un comunicato. “Questa immagine non viola le nostre linee guida. Ci scusiamo per l’errore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.