Ferrara, tassista si rifiuta di accompagnare una 18enne nigeriana in ospedale: è polemica

0

Ferrara, tassista si rifiuta di accompagnare una 18enne nigeriana in ospedale è polemica

Davvero increscioso quanto accaduto nella giornata di ieri a Ferrara dove una donna o meglio una giovane donna nigeriana da poco maggiorenne lamentava dolori allo stomaco ed ha chiesto ad un tassista di essere accompagnata dal medico di base, ottenendo dallo stesso soltanto un rifiuto.

Purtroppo per il tassista la donna non era sola al momento del rifiuto, ma era accompagnata da una connazionale mediatrice del Centro donna che ha riferito l’episodio al quotidiano on line Estense.com che ha diffusola notizia.Il tassista si sarebbe rifiutato di accompagnare la giovane 18enne nigeriana dal medico, episodio che ha destato parecchie polemiche; la giovane si trova nel nostro paese dallo scorso mese di aprile, e nello specifico ha trovato residenza a Ferrara dove è seguita dal Centro Donne e Giustizia.Ecco che proprio lo scorso lunedì quando la diciottenne ha cominciato ad avvertire forti dolori allo stomaco,si trovava in compagnia di Maria una mediatrice anche lei nigeriana.

“Mi ha detto bruscamente che lui se la ragazza sta male non la prendeva su. Che il suo taxi non è un’ambulanza”, ha raccontato Maria che ha provato a convincere il tassista ad accompagnare la giovane 18enne. “Non le sto chiedendo di curarla, solo di accompagnarla dal medico”. E l’uomo: “No, io non la prendo su”.Purtroppo anche altri tassisti hanno assistito alla scena ma non sono intervenuti, per loro la giovane sarebbe potuta persino spirare in quel momento. Difronte a questa incresciosa scena, la mediatrice ha soccorso la 18enne facendola sedere su un marciapiede e chiamando il 118, ma la storia non è finita qui, visto che al ritorno dall’ospedale, la mediatrice è passata dal piazzale dove si trovava il tassista, prendendo il numero di targa e di matricola per poter fare una segnalazione e divulgare cosa era precedentemente accaduto.Al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di Cona è stata diagnosticata una gastrite. Secondo quanto riferito dal Cdg, ovvero il centro che segue la giovane pare che il comportamento del tassista violerebbe almeno due articoli del regolamento cittadino per lo svolgimento del servizio, motivo per il quale si è ritenuto opportuno segnalare l’accaduto.

“Troviamo opportuno segnalare il fatto anche all’amministrazione comunale e alla direzione generale dell’ Ausl, in quanto riteniamo ci sia stata una induzione di spesa sanitaria impropria con l’uso della autoambulanza, sicuramente sottratta a casi più urgenti”, ha aggiunto il Cdg. Ma per quale motivo il tassista si è rifiutato di trasportare la giovane nigeriana in ospedale? Secondo gli operatori del centro, vista la nazionalità dell’operatrice e della ragazza entrambe nigeriane si ipotizza che tale comportamento e inadempimento ai propri doveri sia dovuto ad una evidente discriminazione etnica e pertanto viene chiesta che tale segnalazione venga presa in considerazione e venga seguita da una adeguata risposta.

Rispondi o Commenta