Francia, protestano le hostess dell’Air France obbligate a portare il velo ed i pantaloni sui voli per l’Iran

Protestano le hostess dipendenti della compagnia aerea Air France, dopo l’obbligo imposto di indossare pantaloni per tutto il volo, giacca lunga e velo una volta sbarcate in Iran.Una piccola rivolta quella portata avanti dalle hostess di Air France le quali hanno annunciato di non voler indossare il velo durante gli scali a Teheran sui voli in partenza da Parigi che ripartiranno dal prossimo 17 aprile, grazie al’accordo con l’Iran sul nucleare e sulla fine delle sanzioni contro il Paese.Nello specifico è stato annunciato che i voli a disposizione saranno tre.

Ad oggi le hostess hanno avuto la possibilità di scegliere tra due uniformi, una con la gonna e l’altra coi pantaloni, ma secondo le nuove regole dettate dalla compagnia per i voli diretti a Teheran potranno e dovranno indossare soltanto quella con i pantaloni. Le dipendenti che non hanno assolutamente accettato l’obbligo di indossare i pantaloni ma soprattutto il velo al momento dell’uscita dall’aereo hanno annunciato battaglia e la notizia è stata diffusa e confermata anche da Christophe Pillet, ovvero il rappresentante del sindacato Snpc del Comitè central d’entrepise il quale ha dichiarato: “Ogni giorno ci chiamano hostess preoccupate che dicono di non avere nessuna intenzione di indossare il velo”.

Pillet a tal riguardo ha annunciato di voler chiedere all’azienda di concedere la possibilità alle hostess di prestare servizio a Teheran su base volontaria, senza per questo avere però ripercussioni sullo stipendio. Intervenuto sulla questione anche il segretario del sindacato di categoria Francois Redolfi il quale ha annunciato: “Non vogliamo far polemiche, non sta a noi dare un giudizio sull’uso del velo in Iran. Quello che noi denunciamo è l’obbligo“. Ed ancora Pillet aggiunge: “Il problema è che la direzione non accetta una mediazione. Da mesi abbiamo fatto presente che c’è un problema da affrontare, ma loro minacciano di sanzionare chi non seguirà queste disposizioni”.Purtroppo non arrivano buone notizie dalla compagnia AIR France che fino ad ora non ha espresso parere positivo sulla questione.

In un comunicato diffuso proprio dalla compagnia aerea si legge: “Come per tutti i visitatori stranieri anche gli equipaggi dei nostri aerei sono tenuti a rispettare le regole in vigore nei paesi dove si ritrovano”.L’argomento è stato già in parte affrontato nei giorni scorsi quando l’abbigliamento femminile islamico aveva in un certo senso scatenato un’altra polemica proprio nella capitale francese,dove diversi stilisti famosi come Dolce&Gabbana,Uniqlo, hanno lanciato delle linee ad hoc per questo tipo di moda, scegliendo dei capi con il velo o giacche lunghe,tuniche tipiche delle donne musulmane. “Le musulmane che indossano il velo sono come schiave negre che sopportano la schiavitù”, ha dichiarato Laurence Rossignol il ministro francese responsabile dei Diritti delle donne che ha criticato ampiamente questa tendenza. Addirittura la filosofa e storica femminista francese Elisabeth Badinter, ha invitato le donne ad evitare questi marchi.

One comment

  1. Paride Mangiulli

    E la cosa piu scandalosa e vergognosa che abbia mai sentito,tutta la mia solidarieta alle hostess di air france

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.