Genova shock: far west in strada, padre e figlio uccisi davanti ad un locale notturno per un apprezzamento ad una ragazza

pegli-0187-kYQB-U4318031480340XgC-593x443@Corriere-Web-SezioniAncora una tragedia è avvenuta nel nostro paese nella giornata di domenica in serata, una semplicissima domenica sera che purtroppo è stata vissuta con tanto dolore dalla famiglia Lamberti di Genova.Come avete potuto capire, la tragedia di cui stiamo parlando è avvenuta a Genova Pegli nella giornata di domenica proprio davanti ad un locale sito in via Pegli, dove è avvenuta una sparatoria ed a perdere la vita purtroppo sono stati padre e figlio.

Le vittime sono Adriano e Walter Lamberti, come abbiamo detto purtroppo padre di 51 anni e figlio di soli 27 anni; da quanto è emerso il padre sarebbe morto sul colpo sul marciapiede davanti ad un locale notturno di Genova Peglio, mentre il figlio soltanto dopo il suo arrivo in ospedale, ovvero Villa Scassi. Sul posto sono accorse diverse volanti della polizia e quattro ambulanze, con il personale medico che ha tentato inutilmente di rianimare il padre.Purtroppo le condizioni di salute del giovane Walter erano piuttosto gravi, perchè il giovane presentava l’addome lacerato dai colpi di pistola.

Ma cerchiamo di capire cosa è accaduto domenica sera e quale sia stato il motivo che ha causato la sparatoria e di conseguenza la morte delle due vittime, ricordiamo ancora una volta, padre e figlio. Walter ed il padre si trovavano all’interno di questo locale notturno nella serata di domenica, quando ad un certo punto avrebbero fatto un apprezzamento su una ragazza, da li ne sarebbe scaturita una lite con un uomo che poi improvvisamente è uscito dal locale. Con l’uomo in questione sarebbe scoppiata una lite molto pesante, sarebbero volate parole anche piuttosto pesanti, il padre ovviamente avrebbe difeso il figlio più volte, fino a che l’uomo da quanto emerso avrebbe estratto la pistola sparando contro i due.

Il primo a cadere a terra, è stato Adriano ovvero il padre che come abbiamo avuto di anticipare, sarebbe morto sul colpo, a differenza del figlio Walter colpito da due tre colpi di pistola all’addome. I presenti avrebbero subito chiamato i soccorsi ed il giovane trovato dagli operatori del 118 agonizzante lo hanno trasferito al Villa Scassi di Genova, dopo purtroppo dopo poco tempo è deceduto. Intanto gli agenti di polizia, grazie alle testimonianze raccolte, prima della mezzanotte sono riusciti ad individuare l’uomo che ha sparato contro padre e figlio uccidendoli; l’uomo è stato rintracciato a Voltri a casa del figlio ed è stato fermato ed accompagnato in questura per essere interrogato dalla Pm Patrizia Ciccarese,dove nel corso di un lungo interrogatorio ha confessato l’omicidio, o meglio il duplice omicidio, reato per il quale adesso è accusato.Non si riesce, purtroppo, ancora adesso a capire cosa abbiano potuto dire le due vittime alla ragazza del locale per scatenare l’ira dell’uomo.

Pochi colpi di pistola in rapida successione e per Adriano e Walter Lamberti, 51 e 27 anni, padre e figlio, genovesi di origine sinti, è stata la fine. Sono morti entrambi: Adriano sul marciapiede davanti a un locale notturno di Genova Pegli, Walter all’ ospedale Villa Scassi con l’addome lacerato dai colpi di pistola. Passerà poco più di due ore che la squadra mobile sottopone a fermo un uomo per duplice omicidio. Tutto è successo in una manciata di minuti: padre e figlio sono nel locale quando Walter fa un apprezzamento su una ragazza. Ne nasce una lite con un uomo che poi esce dal locale. Padre e figlio restano e quando escono trovano l’uomo con il quale hanno litigato. Volano parole grosse, il padre difende il figlio, l’uomo estrae una pistola e spara. Arrestato, l’uomo confessa.

One comment

  1. ANDREA LEONIDA

    cosi magari gli passa la voglia di spadroneggiare a casa nostra.
    Subito la grazia per questo Uomo che non ha accettato i soprusi di queste persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.