Georgia, giuria di soli bianchi: la Corte Suprema annulla la pena di morte per un giovane nordafricano

Georgia, giuria di soli bianchi annullata la pena di morte per un giovane nordafricanoArriva direttamente dalla Georgia la storia che vede protagonista un uomo di colore di nome Timothy Tyrone Foster, ritenuto colpevole di aver ucciso una donna bianca e condannato a morte da una giuria composta da 12 giurati ‘tutti bianchi’. Tale fatto di cronaca, nello specifico, ha avuto luogo molti anni fa ed esattamente nell’ormai lontano 1996 quando, durante il furto all’interno di un’abitazione una donna di 79 anni è stata uccisa.

Nelle ultime ore però è stata diffusa la notizia che proprio la condanna a morte nei confronti dell’uomo di colore è stata annullata in quanto, proprio all’interno della giuria che lo ha giudicato, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, non vi erano uomini o donne di colore ma al contrario erano tutti bianchi. La questione razziale è piuttosto dibattuta in tutto il mondo e portata spesso nelle aule di tribunale, e proprio quest’ultima storia proveniente dalla Georgia ci testimonia appunto quanto tale tematica sia piuttosto diffusa e dibattuta. John Roberts, giudice capo della Corte Suprema, si è espresso sulla delicata questione affermando che, proprio quando i giudici hanno deciso di escludere, dalla giuria popolare, ben quattro afroamericani “sono stati motivati in una parte importante dalla razza”.

Un’altro episodio che invece potrebbe portare a degli scontri in città o meglio ad una serie di proteste arriva invece, direttamente da Baltimora, città degli Stati Uniti d’America, nello Stato del Maryland, e vede come protagonista un agente di polizia ‘bianco’ di nome Edward Nero coinvolto nella morte di un giovane afroamericano di nome Freddie Gray. Il fatto in questione avrebbe avuto luogo nell’aprile del 2015 quando, il giovane afroamericano era stato fermato con l’accusa di avere con sé un coltello a serramanico e dopo essere stato fermato è stato trasportato a forza su un furgone con mani e piedi legati e senza cintura di sicurezza, e proprio a causa di un trauma alla spina dorsale il giovane è poco dopo entrato in come perdendo la vita poco dopo.

L’agente di polizia, nello specifico, era stato condannato e accusato di violenza premeditata, eccesso dell’uso della forza e cattiva condotta in servizio ma adesso invece, secondo le ultime indiscrezioni sul caso, l’agente è stato assolto e a tal proposito si è espresso il giudice Barry Williams il quale ha nello specifico affermato che l’agente Nero non è stato coinvolto, direttamente, nell’arresto di del giovane afroamericano e per tale motivo è stato assolto da tutte le accuse. Adesso però ciò che si teme è che in città ovvero a Baltimora, possano verificarsi dei disordini, delle proteste dovute all’assoluzione dell’agente e sulla questione si è espresso il sindaco della città il quale ha nello specifico affermato “Nel caso di disordini nella città di Baltimora, siamo pronti a rispondere. Noi proteggeremo i nostri quartieri, le nostre imprese e le persone della nostra città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.