Gorizia, minorenne partorisce in casa: il feto morto lo nasconde nell’armadio

Ha dell’incredibile e sta lasciando l’Italia intera senza parole la vicenda che arriva direttamente da Ronchi dei Legionari, comune italiano di 11,986 abitanti della provincia di Gorizia in Friuli-Venezia Giulia, dove una ragazzina minorenne si è trovata a partorire in casa e a nascondere successivamente il feto in un modo davvero incredibile. Ecco nello specifico quanto accaduto. La macabra vicenda, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, avrebbe avuto luogo lo scorso venerdì 5 febbraio 2016 ma la notizia sarebbe stata diffusa solamente ieri, lunedì 8 febbraio. Una minorenne della provincia di Gorizia, avrebbe nascosto alla famiglia, per un periodo di tempo che però non sembrerebbe essere stato definito, di essere rimasta incinta e mai si sarebbe aspettata che le accadesse quello che invece è poi accaduto.

La ragazzina si trovava all’interno della propria abitazione lo scorso venerdì 5 febbraio quando si è trovata a dover affrontare un momento molto particolare e rischioso ovvero il momento relativo al parto e anche in questa occasione la minorenne ha fatto il possibile per nascondere quanto accaduto, nella speranza che nessuno venisse a conoscenza di ciò che le stava accadendo. Qualcosa però non è andata come la minorenne sperava e così, a causa di una emorragia all’utero la minorenne è stata immediatamente trasferita presso l’ospedale di Monfalcone, comune italiano della provincia di Gorizia, dove immediatamente è stata soccorsa dai medici.

Anche in questo caso, nonostante la sua vita fosse in pericolo e nonostante si trovasse davanti a dei dottori che avrebbero comunque scoperto quanto accaduto, la ragazzina ha deciso di mantenere il silenzio intenta a tenere con se quel segreto per lei inconfessabile, ma ecco che a scoprire la verità è stata proprio la mamma che si è trovata davanti una scena che l’ha letteralmente lasciata senza parole. La donna infatti, mentre la figlia si trovava all’ospedale dove i medici si stavano prendendo cura di lei, ecco che si era recata a casa per recuperare pigiama e altre cose che potessero servire alla figlia nel corso della sua permanenza in ospedale ma, una volta aperto l’armadio della figlia, ha trovato un qualcosa che mai si sarebbe aspettato.

All’interno dell’armadio vi era infatti il piccolo feto senza vita avvolto all’interno di una busta, una scena orribile che mai nessuno vorrebbe trovarsi davanti. La Polizia ha adesso aperto un’inchiesta sul caso per determinare se il feto è nato vivo oppure morto e per scoprire se nella vicenda sono implicate terze persone o se la minorenne ha fatto tutto da sola. Questo caso evidenzia un problema molto presente in società, infatti sempre più minorenni rimangono incinte ma allo stesso tempo, molto spesso, hanno anche paura di affrontare i genitori e di parlare con loro per paura appunto di quelle che possono essere le conseguenze non capendo però che talvolta, come nel caso sopra descritto, si può seriamente mettere in pericolo la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.