Grave caso di bullismo a Jesi, undicenne costretta a bere acqua del wc: sotto controllo sanitario per un mese

Grave caso di bullismo a Jesi, undicenne costretta a bere acqua del wc sotto controllo sanitario per un meseSono ormai veramente moltissimi i giovani vittime di bullismo costretti a subire l’incredibile soprattutto a scuola da parte di alcuni compagni. L’ultimo terribile caso di bullismo arriva direttamente da Jesi, comune italiano di 40 325 abitanti della provincia di Ancona, nelle Marche, dove una ragazzina di soli undici anni è stata costretta da una compagna di scuola a bere l’acqua del WC.

La terribile vicenda ha avuto luogo nello specifico , negli spogliatoi della palestra della scuola media Lorenzini alla fine dell’ora di ginnastica nella tarda mattinata di venerdì e nello stesso giorno è stata accompagnata dai genitori al pronto soccorso dell’ospedale Carlo Urbani e monitorata per la probabile carica batterica presente nell’acqua bevuta.

I genitori della ragazzina hanno presentato denuncia presso il locale commissariato e dopo alcuni giorni la ferita per l’undicenne è ancora aperta. Infatti, come ha raccontato il papà, anche se al momento la ragazzina non ha presentato problemi o malesseri fisici, i medici del pronto soccorso hanno consigliato ai genitori di tenerla sotto controllo sanitario per un mese al termine del quale, l’undicenne, dovrà essere sottoposta ancora una volta ad alcuni esami.

“Un atto gravissimo, un episodio di bullismo senza precedenti in città, convocherò l’istituto con urgenza martedì stesso” sono state le parole espresse dall’assessore ai servizi educativi Marisa Campanelli dopo aver appreso quanto accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.