Grosseto choc, 59enne chiude vicini di casa in cucina e minaccia di decapitarli con la motosega: arrestato

Ha davvero dell’incredibile quanto accaduto la sera dello scorso 6 marzo 2016 a Scansano, comune italiano di 4,517 abitanti della provincia di Grosseto, in Toscana, dove un uomo di 59 anni di nome Mario Marcucci ha tenuto sotto sequestro per alcune ore due vicini di casa minacciandoli con una motosega tra le mani.

Ma vediamo nello specifico quanto accaduto. Mario Marcucci, la sera del 6 marzo 2016, ha incontrato i due vicini di casa, marito e moglie, che rientravano da una felice e serena serata in pizzeria e proprio in seguito all’incontro, secondo le prime indiscrezioni, sembrerebbe si siano scambiati un saluto. Marcucci però, in stato di ebbrezza, ha visto un qualcosa in più nel normale saluto che il vicino gli aveva rivolto e nello specifico ha visto come un sorriso di scherno di fronte al quale non è rimasto indifferente e che anzi, al contrario, sembra proprio lo abbia spinto ad intervenire. L’uomo infatti, secondo una prima ricostruzione e secondo le accuse, in seguito al saluto mal interpretato del vicino di casa, e in stato di ebbrezza come sopra anticipato, si è recato presso la cantina della propria abitazione dove ha preso una grossa motosega recandosi successivamente proprio all’interno dell’abitazione dei vicini di casa precedentemente incontrati.

Una volta arrivato sul posto, l’uomo ha costretto i due vicini, marito e moglie, a inginocchiarsi, segregandoli per alcune ore all’interno della cucina. Nel corso di tutto questo tempo l’uomo sembra proprio abbia più volte minacciato la coppia di decapitarli e tutto questo lo ha fatto agitando, in aria, la motosega accesa. I rumori hanno fatto si che gli altri vicini di casa si accorgessero del forte trambusto che proveniva dall’appartamento nel quale stava per avvenire la tragedia ed inoltre, sul posto, sono immediatamente intervenuti il figlio della coppia insieme alla fidanzata. Il giovane è entrato all’interno dell’appartamento e a sua volte è stato minacciato dall’uomo mentre invece la giovane fidanzata, sconvolta da quanto stava accadendo, è immediatamente fuggita. Per fortuna però le urla e il rumore della motosega , come precedentemente anticipato, hanno allarmato i vicini di casa che hanno chiamato i soccorsi e poco dopo, sul posto, sono intervenuti i carabinieri.

All’arrivo delle forze dell’ordine, il cinquantanovenne Mario Marcucci si è dato alla fuga lasciando così l’appartamento e “liberando” i suoi ostaggi che avevano vissuto delle ore di vero terrore. Per fortuna però, nonostante l’uomo era riuscito a fuggire, le forze dell’ordine sono riusciti poco dopo a rintracciarlo e arrestarlo. Oltre ad aver minacciato la coppia con la motosega tra le mani, Mario Marcucci ha anche spento l’attrezzo per schiaffeggiare e colpire il vicino di casa e il figlio che nel frattempo era intervenuto. L’episodio, come sopra anticipato, si è verificato la sera del 6 marzo 2016 e lo scorso venerdì 11 marzo 2016 i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia in carcere del gip. L’arresto di Mario Marcucci è stato disposto dal gip di Grosseto su richiesta della procura. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.