Harry Potter record di prenotazioni per l’ottavo capitolo e per il mago Hogwarts

0

harrypottercursedchild_emergeilfuturoSe pensavate che la saga di ‘Harry Potter’ fosse terminata, potete pure ricredervi. Probabilmente finirà solo quando la scrittrice inglese J.K. Rowling deciderà di non fare più questo mestiere. Scende in campo, infatti, il figlio del maghetto. Abbiamo l’hashtag #KeepTheSecrets of #CursesChild e la pièce teatrale, di cui a Londra è andata in scena l’anteprima, ‘Harry Potter and the Cursed Child’, ossia ‘Harry Potter e il bambino maledetto’. La prima è in programma il 30 luglio e il 31, una data fondamentale perché è il compleanno di Harry (nonché della sua autrice), nelle librerie avremo l’ottavo libro della saga infinita.

Una vera e propria miniera d’oro il mago: 450 milioni di copie vendute, dalla ‘Pietra Filosofale’ dell’ormai lontano 1997. Un ‘mostro’ che ha creato poi pure le pellicole cinematografiche: otto da ‘sold out’. Tanto che è stata ufficialmente sdoganata la denominazione di origine (in)controllata “generazione Harry Potter”. In tutto il pianeta, superando qualsiasi barriera di censura o discriminazione, tutti conoscono Harry e la sua storia. Il simbolo della lotta al male, probabilmente anche la chiave del successo. Perché il colpo di bacchetta magica alla fine ha ragione sulle forze oscure. E noi siamo spesso circondati da queste presenze maligne, fuori e dentro di noi. Avere un paladino che sa sempre come rimandarle all’inferno non è cosa da poco.

Jamie Parker, attore di 35 anni che impersona Harry Potter da grande, spiega perché la saga è anche un romanzo di formazione: “E’ una storia con cui la gente ha vissuto per tutta la sua vita. E io sono uno di loro. Adesso siamo cresciuti, come è cresciuto Harry. E riprendiamo il racconto dove l’avevamo interrotto”.

Alla fine dell’ultimo romanzo e dell’ultimo film, del resto, Harry, Ron ed Hermione accompagnavano i figli al treno per Hogwarts. Era il chiaro segnale che non sarebbe finita così. A teatro, si riprende proprio da quel momento. Hermione è diventata ministro della Magia, Harry lavora con lei e deve fare i conti “con un passato che rifiuta di starsene al suo posto”. Ron e il fratello George sono i gestori del negozio di Scherzi Weasley. Hogwarts non è cambiata: i ragazzini si sfidano sui campi di quidditch a calcio magico con tanto di scope volanti.

Albus Severus Potter combatte “contro il peso di un’eredità familiare che non ha mai voluto”, finendo nei Serpeverde. Diventerà il migliore amico di Scorpius Malfoy, figlio del diabolico Draco. “Mentre il presente e il passato si avvicinano pericolosamente, padre e figlio devono imparare la scomoda verità: l’oscurità si nasconde ovunque”. J.K. Rowling non promette lustrini e pailletes, anzi. “La vita è come una lunga corsa: non puoi fermarti esattamente all’arrivo. E io porto Harry Potter e il suo mondo con me in ogni momento”. Proprio come quelli che sono cresciuti insieme al maghetto.

Il maghetto di Hogwarts ha di nuovo stregato l’editoria. Nove anni dopo la pubblicazione del settimo e (allora) ultimo libro della saga creata da J. K. Rowling, Harry Potter and the Cursed Child, il volume che raccoglie la sceneggiatura dello spettacolo teatrale che debutterà il 30 luglio a Londra, è già bestseller negli Usa. Per la catena di librerie Barnes & Noble, The Cursed Child è il libro con più prenotazioni dal 2007, quando il record era stato stabilito da Harry Potter e i doni della morte.

Il volume è in cima alle prenotazioni del 2016 anche per Amazon Book, sia nella versione cartacea che in ebook. L’uscita dell’ottava storia di Harry Potter è prevista allo scoccare della mezzanotte del 31 luglio (negli Usa e nel Regno Unito), dopo il debutto al Palace Theatre di Londra dove lo spettacolo, diviso in due parti, è sold out fino a maggio del 2017. La storia, nata da un’idea di J. K. Rowling, è ambientata 19 anni dopo l’ultimo episodio: Harry, ormai adulto, impiegato al Ministero della Magia, sposato con Ginny e padre di tre figli, deve fare i conti con il suo passato. In Italia, il libro arriverà il 24 settembre per Salani Editore, con il titolo Harry Potter e la maledizione dell’erede (traduzione a cura di Luigi Spagnol, e 19,80).

Rispondi o Commenta