I tatuaggi fanno bene alla salute, rendono più resistenti al virus dell’influenza e del raffreddore

Fino ad oggi si è sempre detto che i tatuaggi fanno male alla salute, ma da oggi la situazione cambia e per lo più da oggi potrebbe esserci un motivo in più per potersi tatuare qualcosa sulla pelle. I tatuaggi ad oggi sono divenuti un accessorio irrinunciabile per tanti giovani, i quali non dovranno più preoccuparsi perchè stando a quanto emerso da uno studio il tatuaggio non arreca alcun danno alla salute.

Lo studio in questione è quello pubblicato dall’American Journal of Human Biology secondo il quale le persone con molti tatuaggi hanno una migliore risposta immunitaria rispetto a chi si tatua per la prima volta. I ricercatori in questione non hanno fatto altro che prelevare dei campioni di saliva da alcuni volontari, raccolti fra persone con tatuaggi e persone che invece non ne avevano nemmeno uno. I campioni sono stati esaminati a fondo per diverse settimane e solo dopo queste analisi i ricercatori hanno scoperto che i volontari tatuati erano più resistenti a patologie come il raffreddore e l’influenza, rispetto a coloro i quali non erano mai tatuati la pelle.

Nello specifico è emerso che i livelli di immunoglobulina A e cortisolo erano più alti in coloro che si erano fatti dei tatuaggi ed il motivo risiederebbe proprio secondo gli studiosi nel fatto che quelle decorazioni potenzierebbero il sistema immunitario stesso di un individuo.

Bisogna comunque anche dire che l’effetto non è immediato nel senso che una volta effettuato il tatuaggio questo blocca la risposta immunitaria per un breve lasso di tempo poiché il corpo si scarica dovendo reagire ad un’esperienza molto stressante;una volta che le ferite guariscono la situazione cambia e si inverte. “Tatuarsi può stimolare il sistema immunitario in un modo molto simile alla vaccinazione e far sì che il corpo diventi meno suscettibile a future infiltrazioni patogene”, si legge nell’articolo pubblicato sull’American Jorunal of Human Biology.

“Quando si fa un tatuaggio i muscoli diventano doloranti ma quando se ne fanno diversi, il dolore svanisce e il sistema immunitario riesce a rinforzarsi. Dopo la risposta iniziale allo stress, il corpo ritorna a un punto di equilibrio. Tuttavia se si continua a stressare il proprio corpo più e più volte, dopo la tensione iniziale, la risposta immunitaria del corpo diventa ‘più forte”, ha dichiarato Christopher Lynn, professore di antropologia alla University of Alabam e co-autore dello studio. Dunque secondo quanto emerso dallo studio che ha ottenuto un grande successo e molti consensi, coloro i quali hanno più tatuaggi sul proprio corpo sono più resistenti di fronte all’aggressione dei virus di influenza e raffreddore, perchè il loro organismo dopo il tatuaggio si adatta e diventa meno sensibile a processi dello stesso genere. Una grande notizia dunque per tutti gli appassionati dei tatuaggi e per tutti coloro i quali vorrebbero farne uno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.