Importante studio sul caffè: tre tazzine al giorno prevengono la demenza

importante-studio-sul-caffe-tre-tazzine-al-giorno-prevengono-la-demenzaSono davvero moltissime le persone che, nel corso della giornata non riescono a rinunciare a qualche buona tazza di caffè da bere da soli o in compagnia di amici e parenti, alla fine dei pasti ma non solo. E se da una parte bere il caffè rappresenta per molti un modo per trascorrere alcuni momenti di relax in compagnia e scambiare quattro chiacchiere nel corso della giornata ecco che, dall’altra parte vi sono moltissime altre persone che amano proprio il suo sapore e che non riescono a farne a meno, arrivando talvolta anche ad esagerare nell’assunzione di tale bevanda. E proprio recentemente è stato pubblicato sulla rivista The Journals of Gereontology, Series A: Biological Sciences and Medical Sciences, uno studio che sicuramente renderà molto felici gli amanti del caffè in quanto rivela che bere circa tre tazzine di caffè al giorno, che corrisponderebbero a circa 261 milligrammi di caffeina, potrebbe avere degli effetti benevoli sulla salute e precisamente potrebbe proteggere dalla demenza. Nell’effettuare tale studio, diretto da Ira Driscoll ovvero un professore di psichiatria presso la University of Wisconsin-Milwaukee, sono state coinvolte nello specifico quasi 6,500 donne di età superiore ai sessantacinque anni sulle quali è stato possibile analizzare, a lungo termine, il consumo di caffè associato all’incidenza della demenza senile.

Nello specifico i ricercatori per poter effettuare tale studio hanno analizzato, grazie a quasi 6,500 donne che si sono sottoposte allo studio, il consumo che queste donne facevano di caffeina ovvero un alcaloide naturale presente in numerose piante come ad esempio cacao, tè, cola, guaranà e le bevande ottenute proprio da tali piante e dunque caffè e bibite coma ad esempio la cola, e proprio la loro salute è stata monitorata per dieci lunghi anni nel corso dei quali è stato possibile diagnosticare circa 390 casi di demenza. Successivamente, dopo aver raccolto tali dati, ecco che i ricercatori li hanno rielaborati scoprendo così che, coloro i quali nel corso della giornata sono soliti bere caffè e precisamente consumare 261 milligrammi di caffeina presentano un rischio assai minore di ammalarsi di demenza, e nello specifico la percentuale in questione ammonterebbe al 36%.

Nonostante i numerosi studi effettuati nel corso degli anni sull’importanza del caffè e i benefici che tale bevanda potrebbe apportare alla salute di ognuno di noi ecco che questa rappresenta la prima volta che viene effettuato uno studio così lungo nel quale vengono esaminati quelli che sono i meccanismi che legano l’assunzione del caffè al presentarsi di una patologia come la demenza. E’ comunque opportuno precisare che, nel 2014 era già stato effettuato uno studio che dimostrava come, un consumo moderato di caffeina potesse potenziare la memoria a lungo termine e, tra questi studi vi troviamo nello specifico quello che nel 2014 è stato pubblicato su Nature Neuroscence.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.