Influenza, realizzato al computer un vaccino universale efficace per l’88% dei virus

0

influenza-realizzato-al-computer-un-vaccino-universale-efficace-per-l88-dei-virus

Un grande passo in avanti è stato effettuato nel campo della medicina. Nello specifico un gruppo di ricercatori delle Università britanniche di Aston e Lancaster e della spagnola Complutense di Madrid pare abbiano scoperto un vaccino universale capace di bloccare l’88% dei ceppi virali che provocano l’influenza. Nello specifico sembra che il team abbia messo a punto due vaccini universali, uno specifico per il territorio americano che copre il 95% dei ceppi che circolano negli Stati Uniti e uno globale che protegge invece contro l’88% dei ceppi virali nel mondo.Intervenuto proprio Derek Gatherer della Lancaster University il quale ha dichiarato: “Ogni anno, scegliamo un ceppo di virus dell’influenza recente per il vaccino, sperando che proteggerà contro i ceppi dell’anno successivo. Sappiamo che questo metodo è sicuro e che funziona in modo ragionevolmente buono la maggior parte delle volte. Ma talvolta non funziona, come nel caso del fallimento del vaccino H3N2 dell’inverno 2014-15, e anche quando lo fa è molto costoso e impegnativo. Inoltre questi vaccini annuali non ci danno protezione contro tutti i virus influenzali futuri potenzialmente pandemici”. 

Tale vaccino, progettato al pc avrebbe la capacità di agire nel tempo contro una grandissima varietà di virus influenzali, la stragrande maggioranza dei ceppi in circolazione nel mondo ed il 95% di quelli che colpiscono i cittadini americani. Stando a quanto dichiarato dai ricercatori in questione, sembra che i componenti di questo vaccino potrebbero essere piccoli frammenti dei virus dell’influenza, chiamati epitopi di cui si sa già che possono essere riconosciuti dal sistema immunitario. Si tratta di una novità molto importante, visto che questo vaccino potrebbe aiutare il cittadino a proteggersi da molti ceppi di virus, al contrario dei vaccini tradizionali che hanno bisogno annualmente di essere aggiornati sulla base dei nuovi ceppi di virus in circolazione. Sulla base della nostra conoscenza del virus influenzale e del sistema immunitario umano, possiamo usare i computer per disegnare i componenti di un vaccino che fornisce una protezione più duratura e vasta”, sottolinea Gatherer.

“Un vaccino universale contro l’influienza è potenzialmente a portata di mano.I componenti di questo vaccino sarebbero brevi frammenti di virus, chiamati epitopi, che sono già noti per essere riconosciuti dal sistema immunitario. Il nostro lavoro ha scoperto un modo per selezionare epitopi che consentano una piena copertura della popolazione“, ha invece aggiunto Pedro Reche della Complutense University. Proprio alcuni giorni fa sono arrivati notizie piuttosto allarmanti che ci hanno messo in guardia dai ceppi influenzali in arrivo quest’anno. Purtroppo sembra proprio che l’inverno ci riserverà delle gradite sorprese con patogeni più virulenti e aggressivi con un’epidemia che coinvolgerà almeno due milioni di persone in più rispetto alla passata stagione. Bisognerà valutare l’andamento della diffusione che potrebbe dipendere anche dalle condizioni metereologiche.

Rispondi o Commenta