Iraq, attentato terroristico allo stadio: kamikaze si fa esplodere, 29 le vittime e 71 i feriti

0

E’ allarme terrorismo anche fuori dall’Europa e nello specifico in Iraq dove nella giornata di ieri circa 29 persone hanno purtroppo perso la vita in un attacco kamikaze durante una partita di calcio. Un altro attacco terroristico dopo quelli dello scorso martedì di Bruxelles, questa volta in Iraq. L’attentato è avvenuto a sud di Baghdad, nel villaggio di Alessandria nella provincia di Babil, dove un uomo si è fatto esplodere all’interno dello stadio proprio al termine del match.La notizia è stata riiferita e diffusa dal capo della sicurezza della provincia di Babel, ovvero Falah al Khafaji.

L’attentato,da quanto emerso sarebbe avvenuto intorno alle ore 19.15 di ieri,ora locale, dopo che la partita di calcio era terminata Come abbiamo anticipato, il bilancio dell’attentato è piuttosto pesante, visto che 29 sono le persone rimaste uccise e 71 ferite; tra le vittime figura anche il sindaco della città, Ahmed al-Khafaji mentre Hassoun Hussein ovvero il leader locale della milizia sciita Asa’ib Ahl Al-Haq sembra essere rimasto ferito.Il capo della sicurezza della provincia di Babel, Falah al-Khafaji, ha confermato che l’attentato è stato sferrato dopo che la partita era terminata ed è stata coinvolta la folla che stava defluendo.Subito dopo l’esplosione, lo stadio è stadio e la zona sono stati immediatamente blindati per il timore di nuovi attacchi. Per tutta la giornata si è temuto che il bilancio delle vittime potesse in qualche modo aumentare visto che molti feriti versavano in condizioni di salute piuttosto gravi.

L’attentato terroristico è stato rivendicato dall’Isis nel corso della giornata di ieri attraverso il network jihadista Amaq News.Questa volta gli attentatori hanno preso di mira uno stadio di calcio, un grande punto di aggregazione, anche se non si tratta della prima volta, perchè anche lo scorso 13 novembre gli attentatori di Parigi avevano tentato di fare esplodere una bomba nello stadio della capitale francese, per fortuna senza riuscirci. Adesso la preoccupazione più grande è questo possa ripetersi a Giugno proprio durante gli europei di calcio che si giocheranno in Francia. Dopo gli attentati di Bruxelles, dunque, anche l’Iraq comincia a tremare in seguito all’attentato terroristico di ieri che fa capire come nessun luogo della terra al momento è al sicuro.

L’Isi non si ferma nemmeno davanti a una partita di pallone. È stato di almeno 30 morti e 71 feriti il bilancio di un attentato kamikaze sferrato in un parco affollato di Iskandariya, una città a sud Baghdad, al termine di una partita di calcio. Lo ha reso noto il capo della sicurezza della provincia di Babel, Falah alKhafaji. L’attentato è stato sferrato alle 19:15 ora locale, ha spiegato Khafaji, dopo che la partita era terminata. Una fonte della sicurezza locale ha detto alla Dpa che la zona è stata isolata per il timore di nuovi attacchi e che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare in quanto alcuni feriti versano in gravi condizioni. Iskandariya dista a 40 chilometri a sud di Baghdad ed è una città composta da sunniti e sciiti. Tra le vittime ci sarebbe anche il sindaco della cittadina. L’attacco suicida sarebbe stato rivendicato dall’Isis attraverso il network jihadistaAmaq News. Lo riferisce il Site.

Rispondi o Commenta