Jesolo,laurea fasulla in vista: Guardia di Finanza denuncia falso medico ed evasore totale

Jesolo,laurea fasulla in vista Guardia di Finanza denuncia falso medico ed evasore totaleÈ finito nei guai nelle ultime ore un uomo che per diversi anni ha finto di essere un medico chirurgo, appendendo alla parete del proprio studio una falsa laurea ed esercitando la libera professione proprio in un locale attiguo a quella che è la sua abitazione.

A scoprire il falso medico sono stati gli agenti della Guardia di Finanza di Jesolo i quali hanno denunciato l’uomo alla Procura. Ad incastrare il finto medico, nello specifico, sono state anche le pagine social e nello specifico Facebook gestite dallo stesso ed inoltre, in seguito ai controlli effettuati dalle forze dell’ordine proprio all’interno dello studio in cui l’uomo svolgeva, senza alcun titolo, la professione sono stati trovati numerosi strumenti utili per l’attività medica e fisioterapica, tra questi nello specifico listini prezzi, farmaci, le schede di numerosi pazienti che ignari della realtà dei fatti hanno affidato la propria salute nelle mani dell’uomo che non era per nulla competente in materia e tanto altro ancora.

Sulla delicata vicenda ecco che è intervenuta proprio la Guardia di Finanza affermando nello specifico “La posizione fiscale del soggetto, pur essendo titolare di partita Iva per l’esercizio di attività non sanitarie inerenti il benessere della persona, era assolutamente priva di redditi dichiarati a partire dal 2004”. Ma non solo, la Finanza ha poi proseguito il suo intervento sulla vicenda specificando che “Le persone che si rivolgevano allo studio controllato erano, nella quasi totalità dei casi affetti da ernie alla colonna vertebrale e comunque da traumi muscolari e articolari di una certa importanza”. Dalle indagini è dunque emerso, nello specifico, che l’uomo annualmente eseguiva davvero numerose visite e nello specifico circa 800, soprattutto in ambito della fisiatria ortopedica. Inoltre, proprio nel corso delle indagini portate avanti dalla Guardia di Finanza è emerso che, non solo svolgeva la professione di medico, come precedentemente anticipato, senza alcun titolo ma addirittura sembra proprio che il medico abbia anche percepito a vario titolo dal Comune di Jesolo benefici a sostegno del reddito per oltre 30 mila euro.

Al termine delle indagini inoltre, al falso medico sono stati contestati ricavi non dichiarati per 300 mila euro e Iva per 60 mila. Le persone che, ignare della realtà dei fatti, in questi anni si sono affidate all’uomo hanno dichiarato di essere state visitate da colui che fingeva di essere un professionista specificando che quest’ultimo avrebbe nello specifico sottoposto proprio i pazienti ad esame e referti strumentali e poi ancora, stando sempre al racconto fornito dai pazienti dell’uomo, sembra proprio che abbia effettuato dei trattamenti utilizzando nello specifico terapie manipolative consistenti nei casi di rientro delle ernie. In tali casi il finto medico che appunto esercitava la professione senza mai aver conseguito una laurea in medicina, avrebbe effettuato delle forti pressioni utilizzando le dita e poi ancora, in alcune circostanze, avrebbe effettuato tali pressioni ricorrendo alluso di attrezzi rigidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.