La banca le accredita per errore 3 milioni di dollari, 21enne li spende per borse di lusso e abbigliamento firmato: arrestata

La banca le accredita per errore 3 milioni di dollari, 21enne li spende per borse di lusso e abbigliamento firmato arrestata

Incredibile quanto accaduto ad una giovanissima ragazza di soli 21 anni, Christiane Jiaxin Lee, la quale si è vista accreditare una cifra non indifferente senza denunciare l’accaduto spendendo tra l’altro un bel gruzzoletto di quei soldi. Tutto cominciò quando la ragazza per la festa dei suoi 18 anni aveva deciso di rivolgersi alla Westpac, ovvero una delle maggiori banche australiane per avvalersi dei suoi servizi e proprio in quella occasione non riuscì a credere ai suoi occhi quando si rese conto che sul suo conto bancario le era stata addebitata una cifra incredibile corrispondente a quasi 4,5 milioni di dollari australiani ovvero più di 3 milioni di euro; l’accaduto non venne denunciato dalla giovanissima Christiane, la quale anzi ha cominciato a spendere quei soldi. “Perché non ho avvertito l’istituto di credito dell’errore? Mi sono dimenticata”, si è giustificata la giovane con gli agenti che pare avesse dissipato gran parte del denaro in borse di lusso e abbigliamento firmato.

La giovane avrebbe speso esattamente 1,3 milioni di quella cifra, davvero un bel gruzzoletto e per questo motivo è stata arrestata.La giovane ha cominciato a spendere e spandere i soldi utilizzati per lo più per l’acquisto di beni di lusso.

Purtroppo per lei sono intervenute le forze dell’ordine che nella giornata di ieri hanno arrestato la studentessa malese di ingegneria chimica, proprio mentre la stessa stava tentando di imbarcarsi all’aeroporto di Sidney per volare in Malaysia e scomparire nel nulla. Una volta tratta in arresto, la giovane ha finto in un primo momento di essere completamente estranea alla vicenda, sostenendo di non nulla a che fare con questa storia, anche se poi ha confessato di essere convinta del fatto che la polizia federale fosse sulle sue tracce, tanto che aveva deciso di sparire nel nulla proprio per questo motivo.

La giovane 21enne era riuscita ad avere un nuovo passaporto con l’obiettivo di fuggire dall’Australia con la scusa di vedere i genitori, e forse è stato proprio questo a far insospettire le forze dell’ordine che l’hanno così tratta in arresto. Il processo è stato rinviato al prossimo 21 giugno ma nel frattempo la giovane dovrà raccontare davvero come sono andate le cose e soprattutto dovrà fornire delle spiegazioni, così come dovrà darle la banca, che dovrà spiegare come sia stato possibile effettuare un errore del genere ed essersene accorti solo dopo tre anni.Una volta diffusa la notizia l‘opinione pubblica si è divisa in due fazioni, ovvero quelli che sostengono che la ragazza avrebbe dovuto denunciare l’accaduto e quelli i quali sostengono che la giovane non ha fatto nulla e che l’errore è stato commesso soltanto dalla banca, sta di fatto che la ragazza non si è fatta scrupoli a spendere gran parte di quella fortuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.