L’alimentazione dei Templari, per una vita più longeva: Vivevano 40 anni più della media

0

Ecco a voi uno dei principali consigli per vivere più a lungo possibile, consiglio che arriva direttamente dai Templari e consiste in una dieta che stando a quanto emerso permettere all’uomo di vivere davvero più a lungo. La storia ci dice che i cavalieri hanno vissuto 40 in più rispetto alla media dei loro coetanei e secondo gli studiosi sarebbe tutto merito della loro alimentazione e dell’igiene a tavola. Secondo una ricerca condotta da 4 medici su documenti antichissimi, la straordinaria longevità dei monaci-soldati era dovuta alle regole igieniche ed alimentari codificate da Bernardo di Chiaravalle: poca carne e molti legumi e poi pesce, formaggio, olio d’oliva e frutta fresca. Un regime moderno, inconsueto per l’epoca e antesignano della Dieta mediterranea.

E’questo sostanzialmente quanto sostenuto da un gruppo di studiosi e ricercatori tra cui Giovanni Gasbarrini, Roberto Bernabei e Peter Malfetheiner, i quali hanno condotto uno studio molto approfondito ed anche minuzioso sullo stile di vita dei Templari ovvero dei monaci guerrieri che solitamente vivevano oltre la media,come già anticipato. All’epoca si mangiava molta carne e si assumevano anche molti grassi ed infatti la maggior parte delle persone era affetta dalla gotta. Tornando allo studio in questione, i templari hanno vissuto di più proprio grazie alla loro alimentazione, ma in cosa consiste?

Una spiegazione ci viene fornita da Francesco Franceschi, ovvero il direttore di medicina d’urgenza del Policlinico Gemelli di Roma, il quale ha spiegato: “Una dieta che ha portato 314 Cavalieri Templari, uno dei più noti ordini religiosi cavallereschi cristiani, in molti casi, a superare i 70 anni al processo che li vide protagonisti nel 1321. La spiegazione potrebbe risiedere nell’effetto positivo sulla flora intestinale esercitato da questa alimentazione, più sana rispetto a ciò che si mangiava nel Medioevo…

La dieta dei Templari, molto moderna e se vogliamo antesignana della dieta Mediterranea, combatteva tutte queste malattie”. Dunque, secondo quanto riferito dal direttore di medicina, i templari mangiavano poca carne circa due volte alla settimana, molti legumi ovvero tre piatti alla settimana che oggi invece vengono consumati davvero in poche quantità, ed ancora il pesce veniva consumato con più frequenza, e bevevano davvero molta acqua ma addizionata con la spremuta d’arancia per arricchire la carica anti-batterica.

I Templari, erano soliti bere anche del vino ma a questo aggiungevano un pò di Aloe, ovvero la pianta dotata dia azioni antisettiche e funghicide utilizzata nei paesi con climi desertici caldi.Abbiamo accennato all’alimentazione ma abbiamo anche anticipato che i templari erano anche molti vigili all’igiene personale e della propria tavola, e per questo motivo risulta che si lavassero sempre le mani prima di mangiare e i locali dove venivano consumati i pasti erano sempre molto puliti.

Rispondi o Commenta