Tutti col naso all’insù: La Luna nasconde Venere alle prime luci del giorno: un evento raro e molto affascinante, ecco come ammirarlo

Un evento astronomico di grande bellezza ed anche molto rara quello che si verificherà oggi, mercoledì 6 aprile sui nostri cieli. La Luna nella giornata di oggi e nello specifico tra poche ore occulterà il pianeta Venere e l’evento viene chiamato copertura giornaliera di Venere; il tutto avrà inizio intorno alle ore 9.45 proprio quando la Luna si troverà nel primo giorno della Luna nuova ed in cielo sarà visibile soltanto una sottile falce luminosa.

Per chi si trova a Roma, l’occultazione di Venere inizierà alle 9:14, per concludersi intorno alle 10:22 quando i due corpi celesti saliranno in alto sull’orizzonte. Intervenuto all’Ansa Gianluca Masi, astrofisico e direttore del Virtual Telescope, il quale ha riferito: “Al momento dell’occultazione la Luna e Venere saranno a circa 16 gradi di distanza angolare dal Sole, il che renderà l’osservazione certamente più ardua, a causa dell’intensa luminosità del fondo del cielo”.

Ed ancora Masi aggiunge:“Utilizzare uno strumento ottico o già solo i propri occhi per osservare il cielo di giorno, impone grande attenzione. La luce del Sole è infatti così intensa che anche una fugace visione della nostra stella con o senza telescopio, se non si dispone di specifica protezione, può risultare fatale per la retina”. Secondo quanto riferito dall’esperto chiunque voglia godersi lo spettacolo dovrà cercare in primis di individuare Venere e la Luna ancora prima che sorga il sole e scegliere un punto di osservazione in cui il Sole sia coperto ad esempio da un palazzo, soltanto in questo modo si avrà la certezza di non rivolgere lo sguardo o il telescopio verso la nostra stella. Inoltre, è importante avere a disposizione degli strumenti come fotocamere con un buon teleobiettivo

Gli orari di inizio e fine occultazione variano da città a città, e nello specifico Coelum Astronomia ricorda: Torino: Ingresso 9:15 – Uscita 10:12, Milano: Ingresso 9:17 – Uscita 10:15, Venezia: Ingresso 9:20 – Uscita 10:21, Bologna: Ingresso 9:17 – Uscita 10:19, Firenze: Ingresso 9:15 – Uscita 10:18, Roma: Ingresso 9:11 – Uscita 10:19,, Cagliari: Ingresso 9:02 – Uscita10:10, Ancona: Ingresso 9:16 – Uscita 10:22, Napoli: Ingresso 9:10 – Uscita 10:22 Bari: Ingresso 9:14 – Uscita 10:27, Catania: Ingresso 9:04 – Uscita 10:20, Palermo: Ingresso 9:03 – Uscita 10:17. Si tratta di un evento piuttosto raro, che in Italia mancava esattamente da oltre otto anni, ad eccezione da quella siciliana del 2010.

A Roma l’occultazione inizierà alle 09:14 e l’evento si concluderà alle 10:22, quando sia Venere sia la Luna saranno saliti sull’orizzonte. «Utilizzare uno strumento ottico o già solo i propri occhi per osservare il cielo di giorno, impone grande attenzione», rileva ancora Masi. «La luce del Sole è infatti così intensa – prosegue – che anche una fugace visione della nostra stella con o senza telescopio, se non si dispone di specifica protezione, può risultare fatale per la retina».

Per godersi lo spettacolo in sicurezza, consiglia l’esperto, conviene scegliere una postazione dalla quale il Sole, al momento dell’osservazione, risulti coperto da un palazzo o da un altro ostacolo simile: «in questo modo – rileva – si ha la certezza di non rivolgere accidentalmente lo sguardo o il telescopio verso la nostra stella». Per osservare l’evento vanno bene anche fotocamere con un buon teleobiettivo (fra 135 e 200 millimetri). È consigliabile infine individuare la coppia Luna-Venere prima del sorgere del Sole: può essere di aiuto per tenerla centrata al telescopio fino all’occultazione, sempre mantenendo il Sole nascosto alla vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.