La pasta non fa ingrassare (Anzi, modella i fianchi) uno studio italiano lo dimostra

La pasta non fa ingrassare piuttosto migliora il rapporto vita fianchi il risultato di una ricerca made in Italy

Buone notizie per tutti gli amanti della pasta da sempre considerata un alimento grasso e da evitare qualora ci si sottoponga ad una dieta alimentare. Ebbene, secondo quanto emerso da uno studio piuttosto recente, condotto presso il Dipartimento di Epidemiologia dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli, in provincia di Isernia, sembra che la pasta non faccia ingrassare, anzi se consumata con regolarità e moderazione può anche aiutare il fisico a rimanere in forma.

Secondo quanto riferto dai ricercatori in questione, dunque, consumare la pasta con moderazione, ovvero circa 50 grammi al giorno o comunque una quantità equivalnte al 10% delle calorie giornaliere totali, tende a far apparire più magri chi invece ne ha limitato il consumo.La ricerca in questione è stata pubblicata sulla rivista Nutrition and Diabetes, la ricerca ha preso in esame oltre 23.000 persone, inserite nei due studi ed è stata in parte finanziata dalla Barilla Spa.

“Analizzando i dati antropometrici dei partecipanti e le loro abitudini alimentarisi è visto che il consumo di pasta, contrariamente a quanto molti pensano, non è associato ad un aumento del peso corporeo, ma piuttosto è il contrario. I nostri dati mostrano che godersiun piatto di pasta, “in base alle esigenze individuali, contribuisce a un indice di massa corporea sano, a una circonferenza della vita ridotta e a un migliore rapporto vita-fianchi“, ha dichiarato George Pounis, ovvero il primo autore del lavoro.Dunque, sembra proprio che la pancetta non sia colpa della passione per gli spaghetti o per la pasta in generale, ma sia colpa di altre cattive abitudini, o semplicemente di alcune patologie.Nella visione comune sembra che la pasta sia considerata non adeguata, quando si vuole perdere peso e alcune persone la bandiscono completamente dai loro pasti, sbagliando, visto che alla luce di quanto emerso, non risulta essere un atteggiamento corretto.

La pasta è infatti un alimento fondamentale della tradizione mediterranea ed italiana e non è alcun motivo per farne a meno, è questo quanto dichiarato dai ricercatori dello studio.  “Molte persone oggi bandiscono la pasta dalla tavola, andandola però poi a sostituire con cibi meno salutari (ad esempio carni rosse in eccesso) .E’ senz’altro meglio, conclude, restare fedeli alla dieta mediterranea, con consumi moderati di tutti i suoi elementi, la pasta in primis“, ha dichiarato Licia Iacoviello del Neuromed. Quello che emerge da questo studio come da altri lavori scientifici già emersi nell’ambito dei progetti Moli-sani e INHES, è il seguente messaggio, ovvero che seguire la dieta mediterranea, nella moderazione dei consumi e nella varietà i tutti i suoi elementi, tra cui la pasta in primis rappresenta di sicuro un grande vantaggio per la salute; mangiare la pasta associa a un IMC più basso, minore circonferenza addominale e miglior rapporto vita-fianchi.

Il sogno di tutti gli esseri umani finalmente si avvera? Mangiare la pasta non fa ingrassare? Anzi potrebbe addirittura essere un alleato della prossima dieta? Bhe secondo una ricerca Italia, più che un sogno si tratta di realtà. La pasta quando consumata con una certa regolarità aiuta l’organismo a stare meglio e contribuisce notevolmente al miglioramento dello stesso fisico. La pasta, soprattutto negli ultimi anni è stata demonizzata senza un motivo oltremodo valido. Con l’estremizzazione dello sport, in ogni sua forma possibile ed immaginabile, la pasta è stata bandita e additata come nemico principale, come responsabile del grasso in eccesso.

La pasta non fa ingrassare!

A cercare di consegnare la giusta reputazione alla pasta, che ricordiamo essere una tipica primizia del bel paese, ci ha pensato una ricerca tutta Italiana, svolta dal Dipartimento di Epidemiologia dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli e pubblicata sulla rivista scientificaNutrition and Diabetes. La pasta è un alimento completo, ricco di carboidrati e altri importanti fattori nutrizionali, tuttavia, soprattutto negli ultimi anni ha spinto milioni di persone ad abbandonarla, o ridurla notevolmente. Questo accade soprattutto quando si iniziano delle diete fai da tè,  una assurda abitudine che proprio non si riesce ad eliminare. La colpa probabilmente è anche della cattiva informazione, soprattutto quella della rete, che quando prende di mira un prodotto lo distrugge o lo beatifica senza troppe contraddizioni, e quando si tratta di diete questo fenomeno è oltremodo amplificato.

Lo studio

La ricerca ha esaminato oltre 23.000 persone inserite in due diversi studi: Moli-sani eINHES (Italian Nutrition & HEalth Survey), condotti dallo stesso Dipartimento. “Analizzando accuratamente tutti i dati antropometrici dei singoli soggetti e le loro abitudini alimentari – spiega George Pounis, uno degli autori dello studio, siamo riusciti come il consumo della pasta non è assolutamente associato all’aumento di peso, anzi il consumo di pasta è in realtà associato a una riduzione dell’obesità, considerando sia quella generale che quella specificamente addominale. Dunque, mangiando pasta con una certa frequenza i benefici saranno evidenti, una minore circonferenza addominale e un miglior rapporto vita-fianchi”.

Addio certezze alimentari?

Negli ultimi tempi tutte le nostre certezze alimentari si stanno sgretolando come fossero dei castelli di sabbia. Ci hanno sempre raccontato per decenni che il burro fosse un alimento “preoccupante”, oggi scopriamo che è stato completamente riabilitato, ed anzi avrebbe anche dei benefici nella prevenzione del diabete. Ora arriva la “mazzata” definitiva, la pasta non fa ingrassare! Anzi, se consumata con la dovuta moderazione ed una certa regolarità può addirittura migliorare le prestazioni fisiche. Ma come? Istruttori, dietologi, esperti, insomma tutti ci hanno sempre detto “attenzione, la pasta è ricca di carboidrati e dunque va eliminata se avete intenzione di perdere peso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.