Libia, la Farnesina annuncia l’uccisione di due connazionali usati come scudi umani dall’Isis

0

Una terribile notizia è arrivata questa mattina direttamente dalla Libia e precisamente dalla regione di Sabrata dove si sarebbe verificata una sparatoria nel corso della quale due italiani sarebbero rimasti uccisi. La sparatoria, secondo quanto diffuso dalla Farnesina si sarebbe verificata nella giornata di mercoledì come già anticipato nella città di Sabrata, durante un raid delle forze di sicurezza in un presunto covo dell’Isis.

Una della vittime si chiamava Fausto Piano, 61enne residente a Capoterra in provincia di Cagliari; l’uomo era stato preso in ostaggio alcuni giorni fa e proprio nel paese d’origine dello stesso, era stata organizzata una fiaccolata per chiedere la liberazione dell’uomo. L’altra vittima, si chiamava Salvatore Failla, 47 anni, siciliano e residente in un paesino in provincia di Siracusa; l’uomo in Libia da tre anni, lascia una moglie e due figlie di 22 e 12 anni.

Secondo quanto riferito dalla Farnesina, al momento non sono disponibili i corpi delle vittime, ma sono in corso delle verifiche. Anche le milizie jiadiste hanno diffuso la notizia tramite la pubblicazione di alcune immagini su Facebook o meglio sul profilo “Febbraio al-Ajilat-2”. Nel profilo in questione sono state anche pubblicate delle immagini di cadaveri di jihadisti i quali stando a quanto dichiarato sarebbero stati uccisi dai giovani salafiti di Brish e Um al Hasman.

Rispondi o Commenta