Madonna Skock clown triste sul palco:, il suo grande dolore per la separazione dal figlio Rocco

1

Il suo non è neanche un grido, è quasi un sussurro, che arriva sottile, ma in presa diretta, dall’altra parte del mondo. Perché sì, è proprio la fine del mondo. E non c’è lustrino che tenga. E non c’è muscolo, per quanto allenato, che non tremi. Madonna chiude il suo concerto a Auckland, in Nuova Zelanda, cantando La vie en rose. A un tratto le si rompe la voce, le sfugge un: «Rocco, I miss you», Rocco, mi manchi. Rocco, suo figlio, emanazione di sé, migliore, si spera, di sé… «Mi manchi, figlio mio», dice piano.

E all’improvviso tutto si ferma. Quella vita a mille, quella ribellione, sempre e comunque, quella leggerezza di calze velate a coprire la corposità di una tenacia che non ha mai avuto pari. Eh già, volevamo, un tempo, essere tutte come Madonna, essere lei, senza nessun talento, magari, ma ogni volta capace di sfidare l’impossibile, di fare tutto e prima di tutte: frequentare lo Studio 54 e Andy Warhol (e pure Jean-Michel Basquiat). Lasciare tutti indietro e fare un figlio (una figlia, nel caso, Lourdes Maria) da sola. O quasi. Si parlava di fecondazioni varie ed eventuali e lei si era già accordata con un amico ballerino perché rinunciasse a tutti i diritti sul figlio in arrivo.

E questo dopo aver chiuso una violenta, ma appassionata, storia d’amore, quella con l’attore Sean Penn, un tipo, tanto per capire, che già il giorno del loro matrimonio, terribilmente ubriaco, sparava in aria con un fucile a canne mozze. Per riaprire i giochi, qualche stagione più tardi (gli anta, all’epoca, non erano ancora i nuovi 20), con un affascinante regista inglese, Guy Ritchie, 10 anni in meno di lei, che l’avrebbe mollata nello stesso istante in cui scadevano gli accordi prematrimoniali. Lei, senza fare una piega, aveva pagato, a testa alta, 50 milioni di euro (cifra mai confermata, forse sono di più), gli aveva lasciato una tenuta fuori Londra da mille e una notte e un pub nel lussuoso quartiere di Mayfair ed era tornata a vivere nella sua America, dove c’erano sterminate praterie di toy boy ad attenderla. A braccia aperte. Ragazzi magnifici che rispondono al nome di Jesus Luz o Brahim Zaibat, solo per citarne un paio. Nel frattempo aveva adottato altri bambini, in barba alla sua sostanziale vita da single. Si era tolta ogni sfizio, anche quello di maltrattare il nostro Fabio Fazio a Che tempo che fa, oh yes.

Sì, volevamo essere tutte Madonna. Almeno fino a domenica scorsa, fino a quando non abbiamo realizzato che lei ora, oggi, adesso, incarna la più grande delle nostre paure: quella che, dopo aver trascorso le notti sveglie, aver diviso in due i chicchi d’uva perché lui non si strozzasse, aver passato ore dai medici, aver fatto salti mortali per essere presente alla recita a scuola, ebbene, quel bambino lì, quello che fino a ieri scendeva e saliva dalle nostre ginocchia e ci sorrideva sempre, aveva deciso che sì, noi siamo troppo severe, troppo dure, siamo quelle dei “no” e degli
“alzati, è ora di andare”.

Mentre papà… E ancora lui, quel figlio che solo lui sa strappare un cuore tutto intero, lui e soltanto lui, una volta visto il nostro numero di telefono lampeggiare sul suo telefonino, ha deciso di non rispondere. E andarsene. Così ha fatto Rocco: non ha risposto alle telefonate della mamma popstar, è volato a Londra, ha chiesto al padre di poter vivere con lui e la sua nuova moglie, addirittura di battersi in tribunale per lui, se la madre non fosse stata d’accordo. E i giudici hanno dato ragione a Rocco: potrà restare con il papà. Spezzando il cuore di Madonna.

E’ uno spettacolo triste e doloroso. Sul palco c’è una delle più grandi rockstar: Madonna. Ma questa volta ha il sopravvento l’umore della mamma “tradita”. La vicenda riguarda il figlio Rocco sul quale imcombe la decisione del tribunale per l’affidamento. E il giovane Rocco ha già scelto di stare con il padre, ilregista Guy Ritchie. E così a Melbourne c’è stato il tracollo. L’artista è arrivata con 4 ore di ritardo, vestita da clown e visibilmente provata. Alcuni siti insinuano “alticcia” anche perchè sul tavolino sistemato sul palco si vede un bicchiere con un cocktail. In rete sono subito circolate le immagini della serata

La triste vicenda della battaglia per la custodia legale del figlio Rocco sembra aver provato molto Madonna che si è presentata al concerto in programma a Melbourne con quattro ore di ritardo. Poi ha iniziato a cantare visibilmente alterata e indossando uno strano costume da pagliaccio. La star sembrava ubriaca e si è anche fatta portare altri alcolici sul palco dai ballerini. Ha anche interpretato alcune canzoni mentre alle sue spalle venivano proiettate le fotografie del figlio Rocco quando era un bambino e ora che ha 15 anni. Il ragazzo ha chiesto ai giudici di poter rimanere a vivere con il padre, il regista Guy Ritchie, a Londra e di non tornare a stare con la madre a New York.

Poi, terminato lo show, in cui, secondo alcuni, l’interprete è stata protagonista da ubriaca – il riferimento è ai drink richiesti e consumati tra una canzone e l’altra – la nostalgia canaglia ha preso i bagagli e si è trasferita su Instagram, manifestandosi sotto forma di post. Un post, però, in questo caso, dedicato alla figlia Lourdes Maria, di cui Madonna ha pubblicato una foto accompagnata da un tenero commento: “Mi manca questa bellissima ragazza! Non vedo l’ora di vederla!”.

Questa storia è iniziata lo scorso dicembre, quando Rocco decise di abbandonare il tour mondiale di sua madre per raggiungere il padre in Inghilterra.

Madonna, secondo rumors della stampa locale, cerca di ottenere almeno che il figlio torni a New York per un week end al mese. Madonna non ha accettato la decisione ed è ricorsa in tribunale, sostenendo che l’ex marito avesse violato i termini del divorzio e avesse trattenuto il figlio a Londra, ma la Corte Suprema di Manhattan ha rigettato la richiesta invitando i due ex coniugi a trovare un accordo sull’affidamento, tanto più che Roccoha espresso il desiderio di rimanere a Londra. Ritchie, email a parte, ha cestinato anche l’ingiunzione di un giudice americano: Rocco vuole restare nel Regno Unito e così sarà, tra poco avrà 16 anni e la legge britannica gli conferirà uno status molto simile a quello di un maggiorenne. La settimana scorsa la High Court di Londra, ha spinto la coppia ad appianare le proprie divergenze in via extragiudiziale. Nel frattempo Rocco ha cancellato il suo accountInstagram ufficiale, riaprendone uno privato subito dopo, mentre mamma Madonna continua a gestire i suoi profili postando foto del figlio e dichiarando che gli manca moltissimo.

Un giudice di New York ha detto “basta” ai litigi fra la popstar Madonna e il suo ex marito, il regista inglese Guy Ritchie, per l’affido del figlio 15enne Rocco. Si telefonano, anche perché di mezzo ci sono dei figli.

Il motivo dell’ostinazione del ragazzo a rimanere a Londra, sarebbe da ricercarsi nel desiderio di vivere una vita più tranquilla da adolescente normale, senza essere obbligato ad aver sempre le guardie del corpo attorno e senza dover girare il mondo freneticamente seguendo i tour della madre pop star.

1 COMMENT

Rispondi o Commenta