Magnus, arriva l’applicazione gratuita che riconosce le opere d’arte come Shazam la musica

Magnus, arriva l'applicazione gratuita che riconosce le opere d'arte come Shazam la musica

Chi non conosce l’applicazione Shazam che permette a chiunque e soprattutto in qualsiasi momento e luogo di riconoscere una canzone semplicemente tramite il microfono dello smartphone. Stando a quanto emerso negli ultimi giorni sembra stia per arrivare una nuova applicazione dalle simili funzioni che però sembra funzioni non con la musica ma con le opere d’arte. L’applicazione in questione prende il nome di Magnus e darebbe l’opportunità a chiunque lo voglia di riconoscere in qualsiasi momento e luogo proprio un’opera d’arte.

L’applicazione in questione funziona tramite la fotocamera, la quale guarda l’opera d’arte che può trattarsi di un quadro o di una scultura, riferendo all’interessato l’autore, la storia ed anche il prezzo, salvo non si tratti di pezzi dal valore inestimabile.“Non è una piattaforma destinata alle vendite” chiarisce Resch “Il nostro obiettivo è fornire accesso al mercato dell’arte, democratizzandolo e se tutto va bene allargando il suo bacino”. Sembra che l’applicazione Magnus sia molto completa,perchè in grado di riconoscere ben otto milioni di opere d’arte.

Al momento, l’applicazione che è totalmente gratuita è attiva soltanto a New York, ma molto probabilmente in tempi brevi potrebbe arrivare anche in altre città come Berlino e Londra. Per quanto riguarda l’Italia invece non si hanno ancora notizie, tutto fa pensare che potrebbe arrivare non prima di fine anno. Magnus nasce grazie a Magnus Reach che è appunto il suo inventore, un giovane tedesco di 31 anni inevitabilmente appassionato di arte il quale ha conseguito un dottorato proprio con una ricerca effettuata sul mercato dell’arte presso l’Università di San Gallo in Svizzera. Magnus nasce nel 2013 proprio a News York, l’unica città dove al momento la stessa è in funzione; il giovane ha prima fondato la startup e la banca dati delle opere d’arte alle quali attinge l’applicazione.

Puntando la telecamera dello smartphone su un’opera d’arte di ogni genere, dalla fotografia, al dipinto fino alla scultura, Magnus fornisce l’identikit completo con tutte le informazioni che la riguardano. L’aggiornamento dell’applicazione è open source ciò significa che gli utenti possono caricare le immagini di nuove opere ed una volta sottoposte a dovuti controlli queste possono essere inglobate nel database. Gli esperti spiegano: “Negli ultimi anni i nostri utenti più attivi ci hanno fornito i prezzi delle opere prendendoli dalle gallerie di tutto il mondo. Abbiamo poi verificato i dati forniti e li abbiamo inseriti nel nostro database. Questo lavoro funziona grazia al crowd-sourcing da parte degli utenti che credono nella nostra stessa mission. Quando lanceremo il programma premium, saranno i partner stessi in grado di modificare i loro prezzi”.Tutte le info raccolte da Magnus possono ovviamente essere condivise sui social come Instagram e Facebook, ma anche su WhatsApp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.