Manifesti pubblicitari Torino, Adinolfi nudo per pubblicizzare profumo D&G: è solo un fake

Sono stati affissi proprio ieri, nella città di Torino, alcuni grandi manifesti pubblicitari che vedono come protagonista il celebre giornalista, politico, giocatore di poker e blogger italiano Mario Adinolfi, intento a sponsorizzare il profumo di un noto marchio italiano. Adinolfi nello specifico appare nel cartellone pubblicitario firmato Dolce e Gabbana, a torso nudo per pubblicizzare un fantomatico profumo denominato “L’eau di Nolfi” ed inoltre proprio sotto il nome del prodotto compare la scritta “Le vrai homme” che tradotto significa “Il vero uomo”.

Ecco però che sulla questione è intervenuto lo stesso giornalista e blogger precisando che si tratta assolutamente di un fake e che questa rappresenta l’ennesima violenza nei suoi confronti. “Sono fatto oggetto di un’incredibile campagna di affissione firmata Dolce&Gabbana, che mi auguro non abbiano nulla a che fare con questo scherzo di cattivo gusto, grave perché utilizza il mio volto e il mio corpo nudo”, sono state le prime parole espresse da Adinolfi dopo essere venuto a conoscenza dell’immagine pubblicitaria apparsa ieri nelle vie della città di Torino chiedendo inoltre se il sindaco di Torino Piero Fassino abbia o meno qualcosa da dire sulla questione.

Mario Adinolfi, attualmente candidato a sindaco della città di Roma, ha poi proseguito il suo discorso affermando che molto probabilmente proprio il Popolo della famiglia, movimento che si presenta alle elezioni amministrative 2016 in tutte le città d’Italia, ha toccato dei “nervi scoperti”. E proprio a proposito di quelle che sono le sue intenzioni e di ciò che invece si trova a fare attualmente ecco che Mario Adinolfi ha nello specifico affermato “Io vorrei parlare dei problemi concreti della città che mi sono candidato a governare, della decisione annunciata oggi dal movimento Romani Per Bene di confluire nelle liste del Popolo della Famiglia, dell’assemblea nazionale del Pdf che terremo domani dalle 15 al Palazzetto delle Carte Geografiche di via Napoli 36 a Roma. Invece devo passare le giornate a difendermi dagli assalti violenti di un segmento dell’associazionismo Lgbt. Si tratta di una intollerabile lesione della democrazia”. Sulla questione è inoltre intervenuta la stessa IGPDecaux che gestisce lo spazio pubblicitario nel quale sono stati affissi i cartelloni, affermando di essere estranei alla vicenda e sottolineando dunque che l’affissione è assolutamente abusiva e che sono stati inseriti forzando la teca e specificando inoltre che avrebbero immediatamente provveduto a rimuoverli.

Nelle ultime ore però la fotografia sui social è stata condivisa da numerosissimi utenti che commentano inserendo battute spiritose di ogni tipo. Adinolfi ha inoltre commentato sui social chiedendo proprio a Dolce e Gabbana di intervenire affermando nello specifico “Mi auguro che Dolce&Gabbana smentiscano rapidamente di avere a che fare con questa ennesima violenza”. L’attacco nei confronti di Adinolfi è avvenuta molto probabilmente proprio di notte ma al momento non è chiaro chi vi sia dietro tale provocazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.