Mantova, Capitale italiana della cultura 2016, Maroni stanzia 500mila euro: al via gli appuntamenti

E’ Mantova la Capitale italiana della cultura per l’anno 2016. Tale nomina, molto importante si deve essenzialmente grazie all’ambizioso progetto che non si limita a valorizzarne soltanto il patrimonio storico ma punta all’elaborazione di nuove politiche culturali che sposino insieme tradizione ed innovazione per una nuova Rinascenza.E’ stato donato un contributo che ammonta a circa 500mila da parte della regione con l’obiettivo di lanciare la grande avventura.

Il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni ha illustrato al Teatro alla Scala di Milano quelle che saranno le maggiori e più importanti iniziative per Mantova capitale umana della cultura 2016. “Proprio in questi momenti di crisi dobbiamo fare in mondo che i luoghi attrattivi come Mantova e tutta la Lombardia, siano meta di turismo. Non è competenza della Regione, ma dobbiamo garantire la sicurezza. Mi sto confrontando anche con il Questore di Milano“, ha dichiarato Roberto Maroni il quale ha anche aggiunto che la cultura è comunque da sempre considerato lo strumento migliore per rigenerare le città, il miglior strumento da utilizzare contro la violenza che purtroppo proprio in questi ultimi giorni ha sconvolto non soltanto il Belgio ma anche tutta la comunità europea.

Un calendario molto ricco quello presentato nella giornata di ieri che prevede ben 1000 eventi in 120 location differenti per circa 240 giorni e che coinvolgerà circa 69 comuni e vedrà impegnate ben 500 associazioni.“Mantova è gemellata con Matera, capitale europea della Cultura nel 2019, e proprio in quella cittadina, durante i lavori preparatori di questi importanti incarichi, Palazzi mi ha chiesto 500mila euro, che gli ho promesso”, aggiunge Maroni.

Nella giornata di ieri, inoltre, il Presidente della Regione Lombardia ha anche annunciato una grande novità, ovvero quella secondo cui il prossimo 29 maggio presso la città di Mantova appunto si svolgerà la Festa della Lombardia con la consegna dei premi Rosa Caamuna ai lombardi che si sono distinti nel loro campo, dopo averla organizzata sempre a Milano.

” A ottobre è previsto un evento nazionale sui siti che sono Patrimonio dell’Umanità, secondo l’Unesco, come Mantova e il comune di Sabbioneta, nella sua provincia. In Italia ce ne sono cinquanta, ben dieci appartengono alla nostra Regione”,conclude poi Roberto Maroni.Tante, dunque le inizitive che coinvolgeranno il mondo della musica, dell’arte,dello spettacolo; proprio al riguardo della musica a giugno si terrà la quarta edizione del Mantova Chamber Music Festival ed ancora fino a dicembre si terrà il Mantovamuisca, un progetto che prevede ben 45 concerti nei luoghi considerati più belli ed affascinanti della città di Mantova. Per quanto riguarda il mondo dell’arte, presso Palazzo Ducale si potrà assistere a diverse mostre che spaziano per lo più dall’arte moderna a quella contemporanea.In programmazione, un’esposizione dedicata ad Albrecht Durer. Nella Casa del Mantegna, ad aprile, vi sarà un’interessante percorso sulla Grande Guerra, per poi ospitare mostre d’arte contemporanea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.