Mario Placanica l’ex carabiniere che uccise Carlo Giuliani durante il G8, minaccia di uccidersi e lo scrive su Facebook

0

Ricorderete sicuramente Mario Placanica, ovvero il carabiniere che uccise nel 2001 durante il G8 di Genova Carlo Giuliani uccidendolo con un colpo di pistola. A distanza di tanti anni, Mario Placanica torna a fare parlare di se; dopo aver sparato il colpo di pistola che uccise Carlo Giuliani nel 2001 durante gli scontri scoppiati in occasione del G8 di Genova, l’ex carabiniere venne indagato per omicidio e poi prosciolto per legittima difesa e uso legittimo delle armi, ma dal 2005 è n congedo.

Oggi Mario Placanica disoccupato ed a quanto pare con gravi difficoltà economiche ha minacciato di togliersi la vita e così sulla sua pagina personale presente su un noto social network, lo stesso ha scritto: «Non riesco più ad avere un finanziamento oggi l’ennesima porta chiusa sto pensando al suicidio ciao per quelli che mi hanno sostenuto non ne posso più……addio».

Poi tanti altri post scritti dallo stesso Mario Placanica nei quali sostiene di voler diventare un angelo dei carabinieri, cosa che forse non piacerà ai suoi amici, dice Placanica il quale aggiunge però di non avere alternative alla morte. Poi un un altro post cita gli zingari che gli avrebbero fatto perdere ben due macchine, una Tiguan ed una Chevrolet.

“La Tiguan mi hanno raggirato gli zingari del quartiere Pistoia di Catanzaro (drogandomi e dicendomi che mi avrebbero dato i soldi o un altra macchina ) ed in quel periodo ero indagato e non si è degnata la Procura di Catanzaro farmela riavere, la Chevrolet mi hanno messo sotto pressione gli zingari dell’Aranceto quartiere di Catanzaro assieme ad uno noto alle forze dell’ordine Maurizio Masciari perche avevo un debito di droga di 900euro e minacciato da lui più volte l’ho dovuta vendere ma gli do i soldi, HO PERSO IL LAVORO NEL 2014 PER COLPA DELLA COCAINA E DEGLI ATTEGGIAMENTI DEI COLLEGHI, MI SONO DISINTOSSICATO ho riavuto la patente ed ora mi ritrovo senza macchina”, ha aggiunto Placanica in un post pubblicato sulla sua pagina social.

Come abbiamo già anticipato, alla base di questo desiderio di volerla fare finita ci sono delle effettive difficoltà economiche, visto che l’ex carabinieri è disoccupato e nessuno gli fa un prestito. ” Come faccio a prendere mio figlio a scuola, non possiamo manco andare al parco giochi ma lo faccio divertire e questa me la chiamate vita?», ha concluso Placanica. CONTINUA  A  LEGGERE

POST SU FACEBOOK

“Ho sempre voluto bene all’arma, oggi pomeriggio diventerò pure io un angelo dei carabinieri questo forse non piacerà agli amici ma non ho alternative”. Scrive ancora Placanica, senza punteggiatura: “Gli zingari mi hanno fatto perdere due macchine una Tiguan ed una Chevrolet la Tiguan mi hanno raggirato gli zingari del quartiere Pistoia di Catanzaro (drogandomi e dicendomi che mi avrebbero dato i soldi o un altra macchina ) ed in quel periodo ero indagato e non si è degnata la Procura di Catanzaro di farmela riavere, la Chevrolet mi hanno messo sotto pressione gli zingari dell’Aranceto quartiere di Catanzaro assieme ad uno noto alle forze dell’ordine Maurizio Masciari perche avevo un debito di droga di 900euro e minacciato da lui più volte l’ho dovuta vendere ma gli do i soldi, HO PERSO IL LAVORO NEL 2014 PER COLPA DELLA COCAINA E DEGLI ATTEGGIAMENTI DEI COLLEGHI, MI SONO DISINTOSSICATO ho riavuto la patente ed ora mi ritrovo senza macchina. Nessuno mi fa un prestito, che devo fare come faccio a prendere mio figlio a scuola, non possiamo manco andare al parco giochi ma lo faccio divertire e questa me la chiamate vita?”.

Successivamente, dopo che la notizia ha avuto clamore mediatico a livello nazionale, Mario Placanica ha rimosso il post ed ha tranquillizato gli amici con un nuovo post sulla pagina Facebook: “Tranquilli, sono a letto”.

Rispondi o Commenta