Mercurio transita davanti al Sole, appuntamento al 9 maggio con l’evento astronomico del 2016

Mercurio transita davanti al Sole, appuntamento al 9 maggio con l'evento astronomico del 2016

Siete appassionati dell’astronomia? Se la risposta è si, segnatevi questa data, ovvero il 9 maggio 2016 perchè assisteremo ad uno spettacolo davvero molto interessante ed emozionate. Stiamo parlando del transito di Mercurio, considerato l’evento astronomico più atteso dell’anno e che sta già facendo scalpitare tutti gli appassionati.

In due parole per presentare l’evento possiamo dire che il pianeta Mercurio passerà davanti al Sole, eclissandolo nel suo piccolo anche se non si tratter di una vera e propria eclissi solare, come siamo abituati ad immaginala. “Un piccolo neo – si legge sul sito dell’Inaf – si sposterà molto lentamente e potrà essere seguito – tempo permettendo – dal suo primo contatto, previsto per le 13 e 12, fin quasi alla sua uscita, ovvero fino al tramonto del Sole”. Ma vediamo nello specifico cosa accadrà il 9 maggio 2016.

Mercurio ovvero il pianeta che si trova più vicino al sistema solare ne attraverserà il disco interponendosi fra il nostro pianeta ed il Sole, ma per chi vorrà assistere allo spettacolo, segnaliamo che si vedrà ad occhio nudo soltanto un puntino passare tra noi e la nostra stella.L’ultima volta che Mercurio ha attraversato il disco interponendosi fra il nostro pianeta ed il sole risale al 2006 ed esattamente all’8 novembre di quell’anno ma in quell’occasione l transito non fu visibile dall’Italia; a tal riguardo diciamo nel nel nostro paese l’ultima volta risale a 13 anni fa ovvero il 7 maggio 2003.Rispetto a Venere, i passaggi di Mercurio sono più frequenti: 13-14 ogni 100 anni, mentre per l’altro pianeta il periodo è molto più lungo e avvengono con uno schema che si ripete ogni 243 anni.Dunque, anche quest’anno l’Italia sarà interessata da questo fenomeno che però come fa notare l’Uai non interesserà tutte le regioni e soprattutto non si potranno osservare il terzo ed il quarto contatto,visto che il Sole tramonta alcuni minuti prima del termine del fenomeno.

Per quanto riguarda gli altri paesi, possiamo dire che il fenomeno sarà osservabile nella sua interezza nel nord ovest dell’Europa e nell’oceano Atlantico, in America Orientale, Groendalandia, nella zona Artica e nel nord ovest dell’Africa. Per l’osservazione è indispensabile utilizzare almeno un piccolo binocolo, meglio se un telescopio, a patto che siano adeguatamente schermati, come raccomanda Vito Lecci (guarda video in alto), fondatore e direttore di Sidereus. Il fenomeno non sarà visibile ad occhio nudo, e dunque gli esperti consigliano di utilizzare dei telescopi e binocoli, che dovranno essere ben schermati per evitare danni alla vista. Inoltre, gli esperti sostengono che non bisogna mai guardare direttamente il sole, optando per degli occhiali da saldatore con indice di protezione numero 14, oppure filtri in Mylar, e filtri in vetro o in gelatina. Le prossime date del transito di Mercurio davanti al sole sono l’11 novembre 2019 e il 13 novembre 2032.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.