Migranti, recuperati 28 corpi senza vita nel Canale di Sicilia: Allarme sbarchi undicimila arrivi in due giorni leghisti tedeschi: “Più espulsioni”

migranti-recuperati-28-corpi-senza-vita-nel-canale-di-sicilia-11-000-soccorsi-nelle-ultime-48-ore

E’ ancora emergenza migranti e soltanto nella giornata di ieri la Guardia Costiera ha recuperato i cadaveri di 28 migranti nel Canale di Sicilia nel corso di 33 operazioni di soccorso, ma nel contempo sono state tratte in salvo ben 4.655 persone. I migranti soccorsi si trovavano a bordo di 27 gommoni, 5 piccole imbarcazioni ed un barcone raggiunti al largo della Libia.Questi 28 cadaveri si sono aggiunti ai dieci che erano stati recuperati il 3 ottobre, quando erano stati tratti in salvo altri sei mila migranti; alle operazioni svolte nella giornata di martedì e nella notte tra martedì e mercoledì hanno partecipato navi e motovedette della Guardia Costiera di Lampedusa, una unità della Marina Militare Italiana ed una della Marina Militare irlandese, una unità del dispositivo Frontex, un mercantile, due rimorchiatori privati e navi delle organizzazioni non governative Moas, Life Boat, Open Arms e Watch the Med.

Intanto nella giornata di ieri è giunta un’altra notizia secondo la quale 22 extracomunitari sono morti soffocati su un barcone stracarico al largo della Libia; la notizia è stata resa nota dalla France Presse a bordo della nave Astral. Lunedì scorso la nave Dattilo della guardia costiera ha tratto in salvo oltre mille migranti a bordo di un barcone e tre gommoni; proprio durante la navigazione verso il porto di Catania a bordo della stessa nave, con l’assistenza del personale sanitario del corpo itiano di soccorso dell’Ordine di Malta, sono venuti alla luce tre neonati, che sono in buone condizioni di salute. Al porto di Palermo sono arrivati oltre 1020 migranti a bordo della nave Bourbon Argos di Medici senza frontiere, tutti di origine subsahariana, per lo più uomini, ed ancora 161 donne e 15 minori per di più bambini con famiglie.

Altri 664 migranti e sette cadaveri sono invece giunti a Messina e purtroppo le stime non lasciano speranze di miglioramenti visto che nelle prossime ore si attendono altri sbarchi. Intanto è stato firmato pochi giorni fa con il governo afghano, un accordo “per lavorare insieme in uno spirito di partnership a una gestione comune e migliore dei flussi migratori” lo ha annunciato il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.