Milano, bambino di 7 anni gioca sul balcone di casa e precipita dal terzo piano: è gravissimo

milano-bambino-di-7-anni-gioca-sul-balcone-di-casa-e-precipita-dal-terzo-piano-e-gravissimoUna vera e propria tragedia è quella che, lo scorso giovedì 6 settembre 2016 ha avuto luogo nella città di Milano dove un bambino egiziano di soli sette anni è stato trasportato con urgenza in ospedale dopo essere precipitato dal balcone della propria abitazione sita al terzo piano di un palazzo in viale Cerosa 290 nella città di Milano. Secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sul caso sembra proprio che il piccolo intorno alle ore 17,40 stesse giocando da solo sul balcone del proprio appartamento sito al terzo piano del palazzo sopra citato mentre il papà si trovava a lavoro e invece la madre era impegnata nelle faccende domestiche quando all’improvviso, dopo essersi arrampicato alla ringhiera ha perso l’equilibrio finendo nel cortile del palazzo, cadendo da circa 12 metri di altezza. La mamma ha sentito il tonfo e ha subito capito che potesse essere il suo bambino così è subito corsa alla finestra e ha visto quello che mai avrebbe voluto vedere. Il bambino infatti era steso per terra nel cortile ed immediatamente la donna ha lanciato l’allarme avvisando gli operatori sanitari del 118 i quali, arrivati sul posto in pochi minuti hanno messo in atto le dovute tecniche e manovre per rianimare il bambino e fare dunque in modo di salvargli la vita.

Immediata è stata la corsa in ospedale anche se, le condizioni di salute del bambino di soli sette anni sono apparse sin da subito piuttosto disperate e proprio attualmente il piccolo si trova ricoverato in prognosi riservata al Niguarda, in coma farmacologico, e le sue condizioni di salute sembrano essere davvero molto gravi al punto tale che si teme per la sua stessa vita. In seguito alla violenta caduta il bambino ha infatti riportato numerose fratture del cranio e dopo essere stato stabilizzato il piccolo è stato subito trasferito presso il reparto di Neurochirurgia per essere sottoposto ad un intervento di “decompressione“, in modo da drenare il sangue che si è accumulato nel cranio a causa della caduta.

Si è dunque trattato di una vera e tragica fatalità per cui, al momento, sembrerebbero essere escluse possibili responsabilità da parte dei suoi genitori, una coppia di stranieri originari del Bangladesh i quali, al momento, attendono speranzosi che il figlio esca dal coma e che presto possa tornare a casa insieme a loro facendo in modo che, quelli che stanno vivendo adesso diventino dei brutti ricordi. Dopo essere stato lanciato l’allarme ecco che sul posto della tragedia sono anche intervenuti i carabinieri i quali stanno adesso conducendo le dovute indagini del caso nella speranza di poter fare luce sulla questione e dunque stabilire l’esatta dinamica della tragedia a causa della quale, un bambino di soli sette anni si trova adesso a lottare per la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.