Milano, festa del papà abolita in una scuola materna: scoppia la polemica

Mancano ormai sempre meno giorni al prossimo 19 marzo 2016, giorno in cui verrà celebrata la famosa festa del papà. Solitamente, in occasione di tale ricorrenza, le scuole sono solite organizzare cartoline e lavoretti vari che i piccoli donano ai propri papà, lavoretti talvolta accompagnati da filastrocche e poesie per rendere questa festa ancora più magica. Ma ecco che, un asilo comunale di Milano ha deciso di annullare tutte le iniziative volte a festeggiare proprio la Festa del papà, una decisione presa con l’unico obiettivo di non discriminare quei bambini che non hanno una mamma e un papà ma due mamme.

La decisione in questione è stata presa, nello specifico, dalle educatrici dell’istituto scolastico sito nello specifico nella via Toce, a Milano, i quali, invece di organizzare lavoretti per festeggiare i papà hanno deciso di organizzare delle attività dedicate alle diverse etnie. “Siamo una scuola comunale e non possiamo rilasciare alcuna dichiarazione, rivolgetevi alla nostra direzione di settore”, sono state nello specifico le parole dichiarate dalla segreteria didattica della scuola in questione, ormai da alcuni giorni al centro di una grossa polemica.

Sulla delicata questione si è espressa anche la nonna di un bambino che frequenta la classe in cui è stata presa la decisione di non festeggiare, come accade nelle altre scuole, la festa del papà, facendo un chiaro riferimento al fatto che la decisione è stata presa per non urtare la sensibilità di quei bambini che al posto di avere, come tutti i compagnetti, una mamma e un papà hanno due mamme. Nello specifico, la nonna in questione, mostrando anche di essere parecchio irritata dalla decisione presa dalla scuola frequentata dal nipote, ha dichiarato “Non ci sono dubbi che il motivo è questo, nella classe di mio nipote c’è una bimba che vive con due mamme, ma gli altri genitori si stanno organizzando per chiedere alla scuola di rivedere la sua decisione”.

Oltre al commento di genitori e persone care ai piccoli che frequentano la scuola in questione, sono stati diversi gli esponenti della politica che hanno espresso il loro pensiero in merito, tra questi Davide Boni, segretario provinciale del Carroccio milanese, il quale attraverso il suo blog ha scritto un lungo post affermando “Ora il politicamente corretto travolge anche la festa del papà. A questo ennesimo tentativo di distruggere la nostra società, pretendendo di imporre un mondo alla rovescia, dobbiamo rispondere con forza facendo sentire in tutti gli ambiti possibili la nostra voce”. Ma la scuola milanese non sarà l’unica a non festeggiare la giornata dedicata ai papà ed infatti, tramite un volantino, tre scuole dell’infanzia site nella città di Bologna hanno comunicato che “nel rispetto di tutte le situazioni familiari” non organizzeranno alcuna iniziativa volta a festeggiare i papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.