Milano shock, coppia di disabili truffati e segregati: agli arresti domiciliari medico di base e la moglie

Milano shock, coppia di disabili truffati e segregati agli arresti domiciliari medico di base e la moglieAumentano ogni giorno sempre più i casi di anziani e disabili vittime di maltrattamenti, persone che purtroppo non riescono a difendersi e che spesso rimangono vittime degli inganni di persone nei confronti delle quali nutrono sentimenti di stima e fiducia.

Ed ecco che l’ultimo terribile caso arriva direttamente dalla città di Milano dove un medico sessantacinquenne insieme alla moglie, alla figlia e ad un’altra complice sono finiti nei guai per avere segregato e maltrattato un’anziana signora di 86 anni e un uomo di 46 anni, entrambi affetti da deficit cognitivo. Quest’ultimi nello specifico erano pazienti del medico sopracitato il 65enne M.P, il quale alcuni mesi fa ha scoperto che i due pazienti erano soli, non avevano parenti ma erano dotati di proprietà e rendite patrimoniali e così, come precedentemente anticipato, con la complicità della moglie sessantaquattrenne, della figlia ventiseienne e di un’altra donna di 54 anni, il medico era riuscito a ridurre i due disabili in uno stato di schiavitù con l’unico obiettivo di sfruttarli e impossessarsi di tutti quelli che sono i loro beni.

A lanciare l’allarme pochi mesi fa ed esattamente nel mese di marzo sono state alcune persone che vivono nei pressi dell’appartamento sito in via Padre Luigi Monti, di proprietà della complice cinquantaquattrenne del medico ed in cui vivevano i due disabili, i quali dopo aver sentito dei rumori o meglio lamenti provenire proprio da tale appartamento hanno deciso rilanciare la l’allarme chiedendo immediatamente l’intervento dei carabinieri del nucleo radiomobile di Milano. Una volta all’interno dell’appartamento le forze dell’ordine si sono trovati davanti a delle scene davvero incredibili, trovando nello specifico i due disabili ridotti in condizioni davvero invivibili. Le due vittime erano state avvicinate dal medico e dai complici, quest’ultimi hanno davvero fatto il possibile per guadagnare la loro fiducia riuscendo ad assumere il pieno controllo della loro pensione e dei loro beni arrivando inoltre a svuotare i loro conti correnti e proprio l’appartamento dell’anziana donna era stato ristrutturato in modo tale da potervi andare a vivere proprio la 26enne figlia del medico. Nel corso delle indagini inoltre, stando a quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, sembra proprio che gli inquirenti abbiano anche trovato un testamento grazie al quale il medico e i suoi complici avrebbero potuto impossessarsi di tutti i beni dell’anziana donna che però avrebbe dichiarato di non ricordare assolutamente nulla di tale testamento.

I quattro complici e quindi il medico, la moglie, la figlia e una terza donna sono stati denunciati e nello specifico nei confronti del medico e della moglie sono stati disposti gli arresti domiciliari mentre invece nei confronti della figlia ventiseienne della coppia e nei confronti della complice è stato imposto il divieto di avvicinamento alle persone offese ma comunque, tutti e quattro, dovranno rispondere dell’accusa di associazione per delinquere, sequestro di persona, circonvenzione d’incapace e maltrattamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.