Ministro Alfano presenta il libro “Chi ha paura non è libero” a Fano: tombini sigillati e cassonetti chiusi, massima sicurezza

Nella giornata di ieri il Ministro degli Interni Angelino Alfano ha presentato il suo libro intitolato “Chi ha paura non è libero“, nella Sala Verdi del Teatro della Fortuna nel corso di un convegno promosso dall’Associazione del Centro Studi Economia e Territorio. Prima dell’arrivo del Ministro presso la città di Fano sono scattate le misure di sicurezza straordinarie, e per l’occasione sono stati anche sigillati i tombini e chiusi tutti i cassonetti della città.

Nel corso del convegno il Ministro ha anche affrontato il tema del terrorismo e soprattutto ha voluto tranquillizzare tutti sostenendo che il governo sta facendo molto in tema di sicurezza; presenti al convegno anche il Rettore dell’Università di Urbino Vilberto Stocchi, l’avvocato Alberto Galassi (amministratore delegato Ferretti Group), Jacopo Frattini (presidente del Centro Studi Economia e Territorio), il vicepresidente della Camera di commercio Amerigo Varotti e il consigliere regionale di Area Popolare Mirco Carloni.

Il tema del terrorismo è stato introdotto dagli organizzatori del Centro studio economia e territorio i quali hanno dichiarato: “Vogliamo entrare nel dettaglio degli ultimi fatti che hanno coinvolto tutto il mondo tirandoci in ballo prima persona. Il tema del terrorismo ha subito una profonda rivoluzione sia nella forma sia nel modo in cui viene percepito. Abbiamo coinvolto figure di rilievo che sono in grado, in base ai rispettivi skill, di fornire una panoramica degna di una profonda riflessione. Senza dubbio l’insicurezza mina i punti di riferimento e le convinzioni che favoriscono le opportunità imprenditoriale e lo creazione di posti lavoro. Ma quanto incide la paura di investire? Quanta rilevanza ha il timore di uscire dai nostri confini nazionali? Di questo e molto altro sapranno rispondere i partecipanti stimolati in un dibattito in cui l’ovvio lascerà il posto ad una visione aderente alla reale percezione degli italiani sulla finestra mondiale”.

Nelle pagine del suo libro Angelino Alfano ha ripercorso i fatti tragici che purtroppo hanno sconvolto l’Europa negli ultimi anni e soprattutto nell’ultimo periodo e per questo ha anche tracciato una “mappa del terrore”, citando lo Stato islamico, l’attività dei nuclei di al-Qaeda, fino all’addestramento dei mujaheddin in Afghanistan fino alla situazione di guerra in Israele. Il Ministro nel corso del suo intervento ha voluto anche parlare della situazione sicurezza nelle Marche tranquillizzando tutti sostenendo che tutto è sotto controllo.” E’ chiaro che anche qui ci sono degli obiettivi sensibili ed è altrettanto vero che sia un po’ per l’operazione ‘Strade sicure’ che prevede l’impiego di militari sia per il dispositivo ordinario di impiego delle forze dell’ordine, noi siamo nelle Marche in una condizione complessivamente positiva”, questo quanto dichiarato da Angelino Alfano a termine della presentazione del suo libro. “Non trascuriamo nessun dettaglio , neanche quelli apparentemente più irrilevanti, per cui se dovessimo avvertire l’esigenza di un potenziamento dei presidi lo faremo volentieri“, ha aggiunto il Ministro Alfano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.