Napoli, arrestati 17 falsi invalidi per truffa ai danni di ente pubblico, falso e contraffazione di certificati

Napoli, arrestati 17 falsi invalidi per truffa ai danni di ente pubblico, falso e contraffazione di certificati

Sono stati arrestati a Napoli 17 falsi invalidi, nel corso di un blitz scattato all’alba di ieri condotta dai carabinieri per l’esecuzione di un’ordinanza per il reato di truffa ai danni di ente pubblico, falso e contraffazione di certificati. I carabinieri hanno notificato ad oltre 10 persone la misura cautelare di obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria ed ancora è emerso che tra questi 17  falsi invalidi ci sarebbero alcune persone con paralisi motoria riprese dai carabinieri all’interno discount mentre facevano la spesa.

Una truffa dall’ammontare di circa 1,7 milioni di euro. Sostanzialmente gli arrestati dichiaravano di essere paralizzati, ma in pratica andavano a fare la spesa camminando tranquillamente sulle loro gambe, ed oltre a questo conducevano una vita piuttosto normale, truffano così giorno dopo giorno lo Stato. I carabinieri, nello specifico,  sembra che nei mesi scorsi abbiamo registrato un video nel quale si vedono due persone che per l’Inps sono affette da paralisi motoria, disturbi psichici e fobia che camminavano normalmente per poter andare a fare la spesa e fare altre commissioni.

Oltre alla truffa, falso e alla contraffazione di certificati la Procura della Repubblica di Napoli che ha condotto le indagini, ha contestato a 27 indagati anche in reati di falsità emessa da privati e falsità ideologica in atto pubblico. Nel corso delle indagini inoltre sembra che ai carabinieri di Napoli abbiamo scoperto la falsificazione di verbali di accertamento di invalidità dell’Asl e anche attraverso l’utilizzo di falsi timbri dello Stato, con il solo obiettivo di riuscire ad ottenere pensione di invalidità per un importo di 1,7 milioni di euro, senza averne alcun diritto.

L’attività d’indagine, avviata dalla Stazione dei Carabinieri Posillipo nel mese di giugno 2014 e coordinata dai Sostituti Procuratori della 2A Sezione della Procura partenopea, ha consentito di accertare che i soggetti destinatari della misura cautelare, in concorso autonomamente ciascuno con persone da identificare, avevano falsificato verbali di accertamento di invalidità dell’ASL NA 1 anche attraverso l’utilizzo di falsi timbri e sigilli dello Stato come già anticipato al fine di ricevere la pensione di invalidità. Purtroppo continuano a venir fuori, giorno dopo giorno sempre più falsi invalidi, che per fortuna vengono denunciati alle autorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.