Napoli, paziente accende sigaretta durante ossigeno terapia e muore: tragedia all’ospedale Cotugno

E’ davvero incredibile come, un uomo di 40 anni ricoverato presso l’Ospedale Cotugno di Napoli, sia morto solamente perché ha acceso una sigaretta nel momento sbagliato. La triste vicenda però è accaduta nei giorni precedenti alla festa di Pasqua ma è stata resa nota solamente nelle ultime ore.

Il giovane paziente si stava sottoponendo all’ossigeno terapia quando ha deciso di accendere una sigaretta ed ecco che ciò ha provocato una fiammata che lo ha centrato in pieno volto causando delle gravi ustioni per cui, alcuni giorni dopo il terribile incidente, l’uomo si è spento per sempre.

Il direttore sanitario dell’ospedale, per spiegare come mai il paziente avesse con se delle sigarette e un accendino, ha raccontato all’Ansa che l’uomo, nel corso di una normalissima visita, li aveva sottratti alla sorella e mentre si trovava da solo all’interno della stanza per sottoporsi all’ossigeno terapia ha pensato bene di accendere la sigaretta non pensando o forse non immaginando proprio quello che sarebbe potuto accadere.

Un forte ritorno di fiamma ha causato nell’uomo delle ustioni davvero molto gravi che lo hanno portato alla morte. Una tragedia questa  davvero inaspettata e che ha lasciato la famiglia dell’uomo, e le persone a lui più care, davvero senza parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.