Nasce Asgardia, la prima nazione spaziale con l’obiettivo di tutelare la Terra: si cercano i primi cittadini

nasce-asgardia-la-prima-nazione-spaziale-con-lobiettivo-di-tutelare-la-terrasi-cercano-i-primi-cittadini

Nasce la prima nazione spaziale nella storia dell’umanità e si chiamerà Asgardia, dal nome di una città celeste della mitologia norrena. La notizia è stata annunciata nella giornata di ieri nel corso di una conferenza stampa tenutasi Parigi e condotta dallo scienziato russo Igor Ashurbeyl, fondatore dell’Aerospace International Research Center di Vienna che oggi si trova a capo di tantissimi studiosi, ingegneri, ed esperti legali.

Non sono stati resi noti i dettagli del progetto, ma proprio come accade nelle storie di fantascienza, un gigantesco ente orbitante potrebbe supervisionare e proteggere la vita del pianeta Terra direttamente dallo spazio. Asgardia, il cui nome deriva da Asgard ovvero la mitologica dimora degli Dei Asl norreni, sembra essere una stazione spaziale il cui compito sarà, stando a quanto emerso, quello di controllare e tutelare l’umanità dai pericoli del cosmo, come la tutela di meteoriti, promuovere la pace e aiutare la ricerca scientifica terrestre.”Ci sono formidabili ostacoli da superare. Ciò che stanno chiedendo è una completa revisione dell’attuale quadro normativo”, ha commentato Christopher Newman, esperto di legge spaziale dell’University of Sunderland, al quotidiano britannico.

Qualora, però, il progetto dovesse andare avanti e dunque dovrebbe davvero realizzarsi, dovrebbe comunque rispettare importanti impegni presi, come quello di proteggere la Terra da possibili molteplici minacce,pericolosi meteoriti, detriti spaziali. L’iniziativa, secondo quanto riferito dal giornalista di Science Daniel Clery, sembra invece essere un tentativo di eludere la sorveglianza del Trattato sullo Spazio esterno delle Nazioni Unite, che affida alle nazioni il compito di sovrintendere qualsiasi attività spaziale intrapresa sul suo territorio, sia da enti governativi, società commerciali o organizzazioni non profit. Intanto, mentre si attendono ulteriori informazioni sul progetto in cantiere, l’esperto fa sapere che chiunque può cominciare a chiedere la cittadinanza per lo Stato letteralmente fuori dal pianeta Terra, ed i primi 100.000 utenti registrati entreranno a far parte della comunità asgardiana, una comunità dove non dovrebbero esserci distinzioni di razze, e che darà a tutti la possibilità di accedere a certe tecnologie considerate inarrivabili in molte parti del globo.

Fare domanda per poter diventare cittadini di Asgardia è facile: basta andare sul sito web ufficiale e iscriversi; l’Unico vincolo imposto è quello secondo cui bisogna avere compiuto almeno 18 anni. “Quando saremo più di 100mila chiederemo ufficialmente alle Nazioni Unite di riconoscerci lo status di nazione”, ha detto Ashurbeyl. “Dobbiamo lasciare la Terra perché è nella natura umana”, ha detto al sito statunitense Business Insider Ram Jakhu, professore della McGill University, con oltre trent’anni di esperienza in leggi spaziali, e uno dei finanziatori del progetto. Lo stesso ha poi aggiunto:”L’umanità si è spostata dall’Africa e ha popolato l’intero Pianeta. Qui le risorse finiranno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.