Obesità infantile, fenomeno sempre più in crescita: studio rivela ‘La colpa è dei genitori’

0

obesita-infantile-fenomeno-sempre-piu-in-crescita-studio-rivela-la-colpa-e-dei-genitoriQuello relativo all’obesità infantile rappresenta, ad oggi, uno dei temi maggiormente discussi in quanto purtroppo è un fenomeno sempre più in crescita e che interessa sempre più minori. Spesso si cerca di dare una risposta a tale fenomeno ed ecco che, secondo l’economista Wencke Gwozdz della Copenhagen Business School che ha condotto recentemente uno studio, la colpa è proprio dei genitori i quali, essendo troppo impegnati con il lavoro, e non solo, non hanno tempo da dedicare alla cucina casalinga e permettono ai loro bambini di consumare alimenti già pronti che fanno loro davvero molto male. E proprio a proposito di tali pasti si è espresso il Dr Gwozdz il quale ha nello specifico dichiarato “i pasti fuori casa sono generalmente legati a un maggiore rischio di obesità infantile, perché sono spesso ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale”.

Per effettuare tale studio sono stati esaminati i risultati ottenuti da varie ricerche precedenti che vedono protagoniste mamme lavoratrici e poi ancora l’obesità infantile e, in seguito all’analisi di tali dati è stato possibile scoprire che tra questi due elementi vi sono dei chiari collegamenti in quanto è nello specifico emerso che l’obesità infantile aumenta proprio con il numero delle donne che lavorano e quindi ad essere maggiormente imputata è proprio la mamma lavoratrice ma è possibile anche affermare che i bambini che, in generale, hanno dei genitori lavoratori sembrerebbero avere una maggiore possibilità di essere in sovrappeso. Inoltre, dallo studio condotto dall’economista Wencke Gwodzd è emerso che il legame tra genitori lavoratori e obesità infantile è maggiormente presente soprattutto nel caso in cui i bambini hanno un’età compresa tra i 5 e i 10 anni e quindi già grandi al punto da poter autonomamente scegliere cosa mangiare. Purtroppo, nonostante si discuta spesso su tale fenomeno e nonostante i medici lancino spesso l’allarme, ecco che purtroppo viene spesso sottovalutato che questo problema può essere la causa di determinate malattie piuttosto pericolose, tra queste malattie cardiache, diabete oltre che aspettative di vita inferiori.

Curare il sovrappeso nei bambini è possibile oltre che lavorando sulla loro alimentazione anche permettendo loro di effettuare almeno 10 minuti di attività fisica al giorno in quanto, questo, permetterebbe di ridurre il grasso presente nei più piccoli. Dallo studio precedentemente citato è inoltre emerso che i bambini le cui madri sono assenti sono soliti scegliere attività più sedentarie e poi ancora che i bambini le cui mamme lavorano sono soliti dormire fino a un’ora e mezzo in meno in una settimana e a proposito di ciò Gwozdz ha dichiarato “Questa alta prevalenza è preoccupante a causa degli effetti nocivi dell’obesità sulla salute emotiva e fisica dei bambini e l’alta probabilità che l’obesità infantile si trasmetta in età adulta”.

Rispondi o Commenta