Omicidio Isabella Noventa Choc: Manuela Cacco post su Facebook ” La iena non muore mai”

Si continua a parlare dell’omicidio di Isabella Noventa e nello specifico gli investigatori negli ultimi giorni hanno attenzionato la figura di Manuela Cacco, che nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa dell’amica aveva ripetuto tantissime volte ” Isabella e Freddy si erano lasciati a ottobre 2014 non stavano insieme da più di un anno”.

La tabaccaia ha tenuto a precisare Isabella Noventa e Freddy non stessero più insieme da parecchio tempo ed a tal ragione aveva ancora dichiarato: «Non si sono più sentiti fino all’agosto del 2015, quando hanno ripreso i contatti in occasione del compleanno di Isabella». E’ risaputo che Manuela fosse innamorata di Freddy Sorgato così come è anche risaputo che lui fosse però solo interessato ad Isabella che però nell’ultimo periodo si era mostrata piuttosto sfuggente nei suoi confronti. «Oggi è una giornata meravigliosa, cominciata a mezzanotte con il mio primo bacio di auguri, mi sentivo la principessa… poi gli auguri dei miei figli e familiari e gli auguri di un’infinità di amici già così presto… Sono felice… Grazieeee», questo quanto scritto lo scorso 9 agosto 2015 da Manuela sulla sua pagina Facebook.

Il bacio di si parla molto probabilmente la donna lo ha dato a Freddy, e da come viene descritto si ipotizza che si sia trattato di un vero bacio molto passionale che ha dato delle speranze alla donna. «Venerdì e oggi sono stati due giorni magici per me come lo sognavo da anni. È proprio vero che i sogni son desideri…sì proprio vero, il mio giorno di compleanno bellissimo», scrive ancora Manuela sul suo Facebook sempre il 9 agosto verso sera. Manuela dunque aveva finalmente ottenuto ciò che voleva, ovvero l’interesse di Freddy, il ballerino che però fino a poco tempo prima aveva soltanto occhi per Isabella. Purtroppo però le cose non sarebbero andate come la stessa Manuela aveva ipotizzato, perchè dopo qualche giorno ovvero il 15 di agosto, la tabaccaia sul proprio profilo Facebook avrebbe pubblicato l’ennesimo post nel quale avrebbe scritto: «Chissà perché la iena riesce sempre a colpire anche a differenza di tempo. Si nutre di carogne ma non muore mai».

A chi era rivolto il messaggio? Ma ovviamente ad Isabella, la donna di cui sarebbe sempre stata gelosa, e il post sarebbe stato scritto dopo che la tabaccaia aveva saputo di un probabile avvicinamento tra Isabella e Freddy. Di questo post se ne è parlato anche nell’ordinanza di custodia cautelare dove si legge: «La Cacco ha taciuto la reale natura dei suoi rapporti con la vittima, non menzionando le denunce per stalking. In sede di fermo ha detto che Sorgato parlava della Noventa con l’epiteto di “iena”, quando invece un mese fa descriveva buoni rapporti tra i due». Un retroscena davvero importante, dunque, quello legato alla figura di Manuela. 

DOVE ERAVAMO RIMASTI

Svolta importante nel caso di Isabella Noventa la 55enne padovana scomparsa lo scorso 15 gennaio. Nei giorni scorsi sono finiti in manette il fidanzato, ovvero il ballerino Freddy Sorgato, la sorella e l’amica tabaccaia della donna. Ebbene la vera svolta nel caso è arrivata ieri quando l’uomo ovvero Freddy ex fidanzato di Isabella Noventa avrebbe confessato di aver ucciso la donna. Stando a quanto dichiarato dallo stesso sembra si sia trattato di “gioco erotico finito male”; la confessione è stata riferita dall’avvocato Massimo Malipiero, ovvero difensore di Freddy e Debora Sorgato al palazzo di giustizia di Padova, dove era stata fissata l’udienza di convalida delle tre persone fermate lo scorso martedì per l’omicidio di Isabella Noventa. “Il mio assistito ha parlato di un tragico incidente che ne ha provocato la morte”, ha dichiarato il legale del ballerino. “Ha parlato di un tragico incidente avvenuto a casa sua che ne ha provocato la morte e ha ricostruito gli ultimi momenti di quella serata spiegando di aver agito da solo”, ha dichiarato il difensore che ha espresso la speranza che presto si possa arrivare al ritrovamento del corpo della povera Isabella Noventa.

Dunque, stando alle dichiarazioni di Sorgato si sarebbe trattato di un tragico incidente e quindi in questo modo avrebbe escluso responsabilità di altri se non la sua. Come già abbiamo avuto modo di anticipare, insieme all’ex fidanzato sono state fermate anche due persone, ovvero la sorella Debora e l’amica Manuela Cacco, la quale sarebbe stata utilizzato dal ballerino per fornirgli l’alibi per quella sera ed a tal riguardo le avrebbe fatto indossare il giubbotto bianco della povera Isabella in modo che se fosse stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza avrebbe avuto appunto un alibi. La sorella di Freddy si è avvalsa della facoltà di non rispondere davanti al Gip di Padova Cristiana Cavaggion. La donna, ha detto il difensore, “ha reso una telegrafica dichiarazione dicendo che non c’entra nulla con la morte di Isabella Noventa”.

Per quanto riguarda Manuela invece per lei ha parlato il suo legale, Alessandro Menegazzo, il quale ha precisato: “Manuela ha raccontato la sua verità, quello che già aveva detto precisato, aveva chiesto a Freddy per quale motivo doveva indossare quel giubbotto bianco. Non sapeva che Isabella era morta. Da Freddy le e’ stato risposto semplicemente: “perché ho fatto qualcosa”. Sono queste dunque le parole pronunciate dal legale al termine dell’udienza di convalida. “La dichiarazione di Manuela è stata lunga. Ha raccontato che quella sera era andata a casa di Freddy perchè dovevano andare a ballare e non ha trovato nulla di strano. Non ha incontrato la sorella di Freddy, né ha notato nulla di strano. Lei era innamorata di Freddy“, ha dichiarato ancora il difensore di Manuela.

«È stato un tragico incidente al termine di un gioco erotico. Poi ho buttato il cadavere nel fiume vicino a casa mia». Già, alla fine Freddy Sorgato ha confessato. Ha ammesso – ieri mattina davanti al gip, durante l’interrogatorio di garanzia in tribunale a Padova – di essere stato lui a uccidere Isabella Noventa, la sua ex di 55 anni sparita un mese fa a Padova e cercata ovunque.
L’uomo ha spiegato di aver fatto tutto da solo, cercando così di scagionare le altre due donne arrestate: la sorella Debora Sorgato ela tabaccaia Manuela Cacco (che ha ammesso di aver indossato il giubbi- no bianco della vittima – la notte della sparizione – simulando di essere Isabella davanti alle telecamere di una via del centro, ma solo per fare quello che le aveva chiesto l’amico senza in realtà saperne il motivo).

Freddy dunque cerca di spiegare che è stato un delitto d’impeto, nulla di organizzato, ma gli inquirenti non ci credono. Continuano a pensare alla premeditazione. Secondo l’accusa l’uomo, d’accordo con la sorella e l’amica tabaccaia (con la quale aveva una storia: lei sarebbe innamorata di lui), avrebbe attirato Isabella a casa e, dopo un rapporto sessuale, l’avrebbe uccisa durante un massaggio shiat- su approfittando della sua rilassatezza (ecco perché la donna non avrebbe reagito). Poi avrebbe chiamato le atre due complici per occultare il cadavere in un fiume vicino a casa e infine avrebbe fatto indossare il giubbino bianco alla tabaccaia per farla sembrare Isabella davanti alle telecamere del centro e sviare le indagini. Per tutti e tre gli indagati la difesa ha chiesto gli arresti domiciliari, ma il Gip ha detto no: il fermo dunque è convalidato.

Al momento ci sono ancora tanti misteri da chiarire sul caso di Isabella Noventa, la donna sparita nel padovano La sera del 15 gennaio scorso. Benché in galera siano finite tre persone, nelle loro versioni ci sono al momento troppe contraddizioni e troppe cose che non tornano.

“Il Mattino di Padova” parla di una lettera che Isabella aveva scritto a Freddy Sorgato alla fine della scorsa primavera. Una lettera sulla crisi della loro storia sentimentale che lei lascia nella cassetta delle lettere della casa dell’uomo. C’è un passaggio nella missiva – diffusa da “Chi l’ha visto?” – che oggi si carica di significati inquietanti.“

“Sono due mesi che ogni tanto ti faccio seguire – scrive la donna facendo riferimento all’investigatore privato che ha arruolato – anche io so tante cose di te e le vedo”. Scrive Il Mattino di Padova: “Cosa aveva scoperto la donna del ballerino? Soltanto la frequentazione con altre donne o qualcos’altro, magari qualche traffico illecito?” Certo è che qualunque cosa sia, colpisce profondamente Isabella e la induce a scrivergli di starle lontano: “Certo che ora mi fai schifo e ribrezzo – si legge – stai bene alla larga da me. Sei la persona più abietta che ho mai incontrato nella vita”.“

One comment

  1. la CACCA manuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.